Esercito: operazione interforze ad Ercolano e Caserta contro l’abbandono dei rifiuti. Sette denunce

Caserta. Militari dell’Esercito, appartenenti al Raggruppamento Campania, in concorso alle Forze di Polizia hanno portato a termine, nei giorni scorsi, una nuova azione di contrasto al fenomeno dell’abbandono e della gestione dei rifiuti sul territorio delle province di Napoli e Caserta.

Una parte dei materiali sequestrati nel corso dell’operazione interforze

Gli interventi sono stati fatti ad Ercolano (Napoli) e Caserta.

Sono state verificate 6 attività imprenditoriali, commerciali e private, di cui 4 sequestrate, 38 persone identificate, di cui 7 denunciate tra lavoratori irregolari e rei di illeciti ambientali, 13 auto e  autocarri controllati, di cui 3 sequestrati, 38 macchinari/attrezzature industriali sequestrate, circa 32 mila metri quadrati di aree sequestrate, oltre 185 tonnellate di materiali vari riconducibili a scarti di lavorazione e non, e  circa 44 mila euro di sanzioni amministrative comminate derivanti da reati di gestione e smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti di lavorazione.

I militari interdicono un’area sottoposta a verifica

Sono intervenuti 30 equipaggi per un totale di 69 unità interforze appartenenti al Raggruppamento Campania dell’Esercito, alla Polizia Metropolitana di Napoli e quella Provinciale di Caserta, ai Carabinieri Forestale, alla Guardia di Finanza, alla Polizia di Stato, ai Carabinieri, alle Polizie Municipali di Ercolano, Marigliano e Caserta,  supportati dall’ARPAC di Caserta e dell’Asl di Caserta.

Un valido apporto alle operazioni sul campo è stato dato dall’APR (Aeromobile dell’Esercito a pilotaggio remoto) tipo “UAV-RAVEN”, che durante le operazioni svolgeva un controllo aereo sulle zone sottoposte a verifica.

Grazie ad un RAVEN è possibile controllare dall’alto un’area che poi sarà verificata

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore