Fincantieri: approvate dal CDA le informazioni finanziarie intermedie al 31 marzo 2023. Consegnate nuove navi a molti clienti esteri

ROMA. Il Consiglio di Amministrazione di Fincantieri S.p.A., riunitosi sotto la presidenza del Generale Claudio Graziano, ha approvato le informazioni finanziarie intermedie al 31 marzo 2023.

Il Generale Claudio Graziano, presidente di Fincantieri

I DATI ECONOMICI

Risultati del trimestre in linea con la guidance per il FY 2023
Ricavi pari a euro 1.764 milioni, in aumento del 4,9% rispetto a 1Q22
EBITDA margin al 4,9% in miglioramento rispetto ai risultati FY 2022 (3,0%)
La Posizione finanziaria netta negativa per euro 2,9 miliardi in linea con l’andamento dei fabbisogni delle commesse cruise
Sono 89 le navi in portafoglio con un backlog pari a euro 22,7 miliardi
Ordini acquisiti pari a euro 0,9 miliardi contro euro 0,5 miliardi nel primo trimestre 2022, grazie ad forte contributo del settore Offshore Wind
Valorizzazione del profilo ESG delle imprese fornitrici del Gruppo grazie allo strumento del reverse factoring

Risultati economico-finanziari al 31 marzo 2023
▪ Risultati del trimestre in linea con le previsioni per il FY 2023
▪ Ricavi pari a euro 1.764 milioni in aumento del 4,9% rispetto al primo trimestre 2022
▪ EBITDA 2  pari a euro 87 milioni, con un EBITDA margin al 4,9% (vs. 3,0% al 31 dicembre 2022)
▪ Posizione finanziaria netta  pari ad euro 2.922 milioni (euro 2.531 milioni al 31 dicembre 2022), coerente con i volumi di produzione sviluppati dal Gruppo nel corso del trimestre e con il piano di consegne, con due navi cruise consegnate ad aprile

Andamento operativo
▪ Carico di lavoro complessivo pari ad euro 34,0 miliardi, circa 4,6 volte i ricavi del 2022 con ordini acquisiti per euro 0,9 miliardi: il backlog al 31 marzo 2023 è pari a euro 22,7 miliardi (euro 23,8 miliardi al 31 dicembre 2022) con 89 navi in portafoglio e il soft backlog a circa euro 11,3 miliardi (euro 10,5 miliardi al 31 dicembre 2022)
▪ Aumento del backlog nel business dell’eolico offshore con l’ordine di quattro unità Commissioning Service Operation Vessels (CSOV) per l’Edda Wind con l’opzione per ulteriori quattro e di una unità Service Operation Vessel (SOV) per CREST Wind
▪ Consegnate 5 navi da 3 stabilimenti: la LCS “USS Marinette” per la US Navy, “Jan Mayen” la prima nave per la Guardia Costiera norvegese, una unità SOV, una unità Fishery per la compagnia Luntos Co. Ltd. ed una unità Marine Robotic per la compagnia Ocean Infinity Group Limited. Si segnalano nel mese di aprile le consegne di “Viking Saturn”, decima unità della serie, e “Oceania Vista” per il cliente Oceania Cruises.

 

Stabilimento di Fincantieri

Nuova informativa di settore

Sono stati rivisti i settori operativi ed alcune aree di business sono state indirizzate a supportare maggiormente le attività di costruzione navale.

In particolare:
▪ le aree di business Services e del Polo Arredamento, precedentemente ricomprese nel settore Sistemi, Componenti e Servizi, sono state allocate nello Shipbuilding
▪ le attività dei cantieri rumeni del Gruppo, precedentemente ricomprese nello Shipbuilding, a partire dal 2023 sono state riallocate nell’Offshore e Navi Speciali
▪ il settore operativo Sistemi, Componenti e Servizi ricomprende pertanto i poli Elettronica, Meccatronica e Infrastrutture

Sostenibilità

▪ Sustainable finance: raggiunto un accordo con Crédit Agricole Eurofactor, Ifitalia, SACE FCT e UniCredit per consentire l’accesso al credito alle imprese fornitrici di Fincantieri, incentivando al contempo il miglioramento del loro impatto ambientale e sociale
▪ Avviati i lavori per il secondo asilo aziendale: la struttura, che potrà accogliere fino a 34 bambini a Monfalcone, rientra nelle iniziative volte a favorire l’equilibrio tra il lavoro e la vita privata delle persone di Fincantieri. L’apertura è prevista ad ottobre 2023
▪ Top Employers Italia: anche per il 2023, Fincantieri ha ricevuto dal Top Employers Institute la certificazione “Top Employers Italia”, confermandosi tra le eccellenze aziendali nelle politiche e strategie HR volte a migliorare il benessere delle persone, l’ambiente e il mondo del lavoro

Per Pierroberto Folgiero, amministratore delegato di Fincantieri: “Il primo trimestre del 2023 si è confermato pienamente in linea con le previsioni per il FY 2023, con un aumento dei ricavi del 4,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nell’area delle navi da crociera abbiamo registrato un incremento dei volumi di produzione in virtù dello sviluppo dell’importante backlog acquisito mentre nel militare prosegue come da programmi l’avanzamento dei programmi in essere nel rispetto delle tempistiche previste”.

“Un’ottima performance è stata segnata in particolare dal settore offshore e navi speciali – ha aggiunto – con 238 milioni di euro di ricavi pari a un incremento del 31%, che beneficia del crescente contributo delle unità per il comparto eolico. Questo risultato conferma la validità della revisione del modello di business di Vard, focalizzato ora sul mercato offshore e delle energie rinnovabili. Nei primi mesi del 2023 abbiamo avviato una serie di iniziative prioritarie per assicurare gli obiettivi del Piano Industriale 2023-27, tra cui la prosecuzione delle azioni volte a digitalizzare ed incrementare l’efficienza produttiva dei cantieri e all’ottimizzazione dei costi di procurement e delle spese generali, oltre a quelle per mettere in sicurezza e valorizzare l’area di attività delle infrastrutture”.

“La performance operativa attesa per l’anno ci consentirà di consolidare i ricavi e la marginalità – ha concluso- che, uniti ad un un portafoglio ordini molto robusto ed a un EBITDA in miglioramento rispetto ai risultati del FY 2022, confermano la nostra come una società solida nel business tradizionale ed al tempo stessa proiettata strategicamente sulle nuove tecnologie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA​

Autore