Grosseto, al Savoia Cavalleria (3) la cittadinanza onoraria

Grosseto. Il presidente del Consiglio comunale di Grosseto, Claudio Pacella, ha consegnato, oggi, la cittadinanza onoraria conferita lo scorso novembre al Reggimento “Savoia Cavalleria” (3°).

Consegna della cittadinanza onoraria di Grosseto al comandante del Savoia Cavalleria (3).

Nel parco intitolato all’ex presidente della Repubblica, Sandro Pertini, insime ad oltre 400 bambini il sindaco e presidente della Provincia, Antonfrancesco Vivarelli Colonna, ha voluto esprimere il proprio ringraziamento e quello della cittadinanza verso il Reggimento che dal 1996 ha fatto di Grosseto la propria sede.

Approfittando della ricorrenza legata all’Unità nazionale ed al tricolore, il Consiglio comunale ha deciso di concretizzare con questo gesto la vicinanza della popolazione ad uno dei Reggimenti che con i suoi oltre 320 anni di storia viene annoverato tra i più longevi dell’Esercito Italiano.

“Per l’altissimo valore militare, ma anche per il considerevole impegno civile, per il quale il reggimento è chiamato a prodigarsi”. Queste sono alcune delle parole che recita la motivazione del prestigioso riconoscimento conferito ai cavalieri paracadutisti al Comando del colonnello Aurelio Tassi, il quale rivolgendosi al primo cittadino ha sottolineato come “oggi il Savoia Cavalleria diventa ufficialmente cittadino di Grosseto, membro della comunità che lei rappresenta ed è un riconoscimento importantissimo, perché è come essere accolti ufficialmente in una famiglia, in modo semplice, schietto e sincero, come questa bellissima terra”.

Nell’ambito della manifestazione e quale ancor più intenso simbolo di unione tra Forza Armata, istituzioni locali e cittadinanza, si è svolto un lancio da parte degli atleti del centro sportivo dell’Esercito – sezione paracadutismo. Il team composto da veterani della tecnica della caduta libera ha portato nel cielo di Grosseto la bandiera della città, quella della Brigata “Folgore”, del Reggimento “Savoia Cavalleria” ed un immenso tricolore di 150 metri quadrati.

Stendardo del Savoia Cavalleria (3).

Insieme a loro il comandante della Brigata paracadutisti, Generale Roberto Vannacci, che ha voluto onorare con la sua presenza questa manifestazione, una volta a terra ha rivolto il proprio saluto a tutti i convenuti, ricordando l’importanza della giornata quale  momento altamente “evocativo per la nostra Patria ed il suo fondamentale simbolo, la bandiera nazionale che in maniera trasversale unisce le anime di ogni italiano che vesta o meno la divisa”.

Consegna stendardo di Grosseto al comandante della Folgore, Generale Vannacci.

 

Autore