Guardia di Finanza: a Cosenza intercettati e sequestrati altri 800 chili di novellame prelevato di frodo dai mari calabresi. Sanzioni per 25 mila euro ai responsabili

COSENZA. Ancora traffici illeciti connessi alla pesca di frodo e ancora un sequestro di novellame di sarda – stavolta per 800 chili –  che i finanzieri del Comando provinciale di Cosenza hanno sequestrato in due distinte attività di controllo economico del territorio (vigilanza sui beni viaggianti), effettuate in ore serali e che hanno coinvolto soggetti provenienti dalla Puglia.

Uno dei carichi di novellame sequestrati dai finanzieri cosentini

Artefici dei sequestri sono stati i finanzieri in forza alla Tenenza di Montegiordano, impegnati nell’esecuzione di posti di controllo stradali sulla Strada Statale 106, nel territorio del Comune di Roseto Capo Spulico (Cosenza).

Un controllo stradale della GDF su beni viaggianti

Dopo aver segnalato l’alt, come normalmente avviene in questi casi, i militari hanno proceduto all’ispezione dei relativi carichi, nel caso specifico coperti da teli che una volta sollevati hanno rivelato la presenza di numerose casse di polistirolo ricolme di quel particolare e ricercato pescato sottratto dalle acque della zona in palese violazione della legge.

Le operazioni, concluse con il sequestro amministrativo del novellame, hanno altresì comportato per i rispettivi responsabili la contestazione d’una sanzione amministrativa di 25 mila euro.

Episodi come questo, che la Guardia di Finanza contrasta attivamente soprattutto con il suo Servizio Navale lungo gli oltre 8 mila chilometri di coste nazionali, rappresentano un serio danno sia per la singola specie ittica che viene ad essere prelevata prima del suo ciclo riproduttivo, sia per lo stesso habitat marino in cui vive, senza considerare che i pescatori di frodo, oltre ad impiegare sistemi ed attrezzature vietate, finiscono con il piazzare lo stesso pescato sul mercato parallelo senza sottoporlo ad alcun controllo sanitario con tutti i conseguenti rischi per i consumatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore