Guardia di Finanza: a Napoli individuata una fabbrica clandestina di prodotti con marchi contraffatti e deposito sito nei sotterranei del Centro Direzionale. Denunciati due soggetti

Di Alessandro Margottini               

NAPOLI. Un deposito di indumenti, accessori di abbigliamento, borse e scarpe – tutti con marchio contraffatto – è stato trovato e sequestrato dai finanzieri del Comando provinciale di Napoli nei sotterranei del Centro Direzionale cittadino.

Una parte dei prodotti e dei macchinari sequestrati dai baschi verdi della GDF partenopea

I prodotti in questione riportavano i marchi (fake) di note griffe della moda e del casual sportivo più ricercati quali Louis Vuitton, Adidas, Nike, Gucci, Balenciaga, Fendi, Armani, Versace, Prada, Burberry, North Face, Stone Island, The Dsquared, Lacoste e Palm Angels, peraltro ottimamente realizzati.

Alla luce di tale ritrovamento i “Baschi Verdi” del locale Gruppo Pronto Impiego hanno avviato immediate indagini che li hanno condotti nei locali in cui la merce veniva assemblata.

In buona sostanza una vera e propria fabbrica clandestina sita nel Quartiere Chiaiano (periferia Nord-Ovest della città) al cui interno erano presenti numerose attrezzature tra macchine da cucire, termopistole, telai, vernici e spatole, ma anche etichette, materiale per il packaging e otto rotoli di pelle (di ottima qualità) da 250 metri ciascuno, pronti per essere sottoposti a lavorazione e trasformazione in articoli di pelletteria.

A conclusione delle operazioni, che hanno dunque visto il sequestro dei due locali individuati, delle citate attrezzature, di un’autovettura e di oltre 3 mila articoli contraffatti per un valore complessivo di 500 mila euro, i finanzieri hanno denunciato due soggetti originari di Napoli (rispettivamente padre e figlio), i quali rispondono ora alla competente Autorità Giudiziaria per i reati di contraffazione e ricettazione.

Agli stessi denunciati va comunque riconosciuta la presunzione di non colpevolezza, fin quando nei loro confronti non sarà stata pronunciata eventuale e irrevocabile sentenza di condanna che ne dichiari le responsabilità penali al momento contestate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore