Guardia di Finanza: Catania, operazione “Le Vallette”, sgominato un gruppo di narcotrafficanti attivo tra varie regioni italiane e Malta. Arrestati 15 responsabili e sequestrati 430 kg di stupefacenti

Di Aldo Noceti

Catania. Sono 16 le persone finite stamani nella rete dei finanzieri del Comando Provinciale di Catania, che hanno eseguito altrettanti arresti all’esito dell’operazione denominata “Le Vallette” condotta a contrasto del traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

L’importante attività anti-droga, coordinata dalla locale Procura Distrettuale della Repubblica e che ha visto il supporto del Servizio Centrale Investigazioni Criminalità Organizzata (SCICO), oltre a quello dei finanzieri del Comando Provinciale di Ragusa, ha permesso di far affiorare i business criminali condotti da un nutrito e ben organizzato gruppo di trafficanti, i quali acquistavano droghe di vario tipo (cocaina, hashish e marijuana) da altre organizzazioni dedite al narcotraffico attive in Albania come anche in Puglia e Calabria, per poi rivendere gli stupefacenti tra la Sicilia, la Lombardia e addirittura a Malta.

Le investigazioni condotte al riguardo, oltre a delineare ruoli e responsabilità di ogni singolo appartenente al sodalizio, hanno permesso di pervenire – nell’ambito di più interventi effettuati tra le province di Catania e Ragusa – al sequestro di sostanze stupefacenti per complessivi 430 kg, il che rende piuttosto bene l’idea di quali potessero essere i quantitativi di droga che gli arrestati riuscivano periodicamente a “spingere” sul mercato.

GDF – CT controlli su strada (Emergenza Coronavirus)

Da notare, tra l’altro, come durante i medesimi interventi repressivi fossero già state arrestate 13 persone colte dalle fiamme gialle in piena flagranza di reato.

Sulla scorta di tutti gli elementi probatori successivamente prodotti dagli investigatori della GDF, il GIP del Tribunale di Catania ha così ordinato la custodia cautelare in carcere dei 15 soggetti di cui sopra ritenuti gravemente implicati nel traffico, mentre per un altro indiziato è stato disposto l’obbligo di presentazione giornaliera alla Polizia Giudiziaria.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore