Guardia di Finanza: Napoli, contrasto all’esercizio abusivo della professione medica. Scoperto e denunciato un falso dentista

Di Mariateresa Levi

Napoli. Esercizio abusivo della professione medica, mancata attuazione delle previste misure sanitarie anti COVID-19 e, come se ancora non bastasse, anche evasore fiscale totale.
Le aveva collezionate proprio tutte il sedicente “dentista” colto sul fatto dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli mentre stava visitando una paziente nel suo studio sito nel quartiere di Soccavo, dove l’uomo operava senza aver però mai conseguito in necessario titolo di laurea.

A scoprire l’attività in questione, con tutto il corollario di irregolarità varie che alla stessa erano connesse, sono stati i finanzieri del locale 2° Nucleo Operativo Metropolitano (NOM) nell’ambito delle loro quotidiane attività di controllo economico del territorio grazie alle quali, tra le migliaia di abitazioni e studi presenti nella zona, sono riusciti a “triangolare” lo studio abusivo in questione compiendone a sorpresa il relativo accesso per finalità di polizia economico-finanziaria.

Contrasto all’esercizio abusivo della professione medica

Lo studio, più in dettaglio, era formato da un locale dotato delle relative strumentazioni mediche e da un laboratorio odontotecnico, entrambi in precarie condizioni igienico-sanitarie e sui quali non era stata neppure compiuta l’opportuna sanificazione prevista dalle attuali normative sanitarie anti-contagio. Tra il materiale rinvenuto dai militari delle fiamme gialle anche decine di fiale di anestetici, evidentemente utilizzate in interventi odontoiatrici veri e propri.

La posizione del finto medico, finito chiaramente nei guai per esercizio abusivo della professione, si presenta ora anche un’altra non piccola “criticità” atteso che lo stesso – dal 2011 – non aveva più presentato la propria dichiarazione dei redditi classificandosi così “evasore totale” nei confronti dell’Erario.

La Guardia di Finanza, nel raccomandare di rivolgersi soltanto a medici abilitati per ogni problema legato alla ns. salute, ricorda che è possibile segnalare attività abusive come questa contattando il numero telefonico di pubblica utilità del Corpo “117” attivo – 24 ore su 24 – in tutto il territorio nazionale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore