Guardia di Finanza: Napoli, troppo di corsa e con un carico da 500 kg. di sigarette di contrabbando per le vie cittadine. Arrestato un pregiudicato

Di Fabio Mattei e Michele Toschi

Napoli. Aveva evidentemente una gran fretta di giungere a destinazione, per questo ha spinto un po’ troppo sull’acceleratore del furgone che stava conducendo attirando così l’attenzione di una pattuglia di finanzieri che, dopo aver fermato l’automezzo, ne hanno scoperto lo “scottante” carico costituito da circa mezza tonnellata di sigarette di contrabbando.

Protagonisti della vicenda i finanzieri del Gruppo Pronto Impiego di Napoli (i c.d. “baschi verdi”) ed un 46enne di Nocera Inferiore (Salerno), già conosciuto ai militari delle fiamme gialle per i suoi precedenti penali proprio in materia di contrabbando di tabacchi lavorati esteri.

Le sigarette sequestrate

Lo stesso si è infatti trovato a transitare per via Cilea, nel quartiere partenopeo del Vomero, proprio nel momento in cui la zona era pattugliata dai “baschi verdi” della GDF impegnati in una delle loro quotidiane attività di controllo economico del territorio i quali, notando la maniera decisamente pericolosa con cui veniva condotto il mezzo – in una via peraltro molto trafficata – hanno deciso di fermarlo per i provvedimenti del caso, oltre che per un controllo dei documenti nonché delle merci trasportate che, come sovente accade con trasportatori troppo “spregiudicati” alla guida, sono subito risultate di natura illecita.

Il contrabbandiere, considerata la piena flagranza di reato in cui è stato sorpreso dai militari della Guardia di Finanza, è stato così processato con rito direttissimo e condannato a due anni di reclusione.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore