I cento anni della strada degli alpini sul Pasubio

di Enrico Maria Ferrari

Strada delle 52 gallerie

Strada delle 52 Gallerie – Gallerie n. 7 Generale Cascino

Strada delle 52 Gallerie – Galleria 20 generale Cadorna

Strada delle 52 Gallerie – Ingresso

Minatori italiani al lavoro sulla strada delle 52 Gallerie

Strada delle 52 Gallerie

 

Vicenza. Esattamente cento anni fa, nel pieno svolgimento del primo conflitto mondiale, iniziavano i lavori di una delle più grandi opere di ingegneria militare: la Strada delle 52 Gallerie (o della Prima Armata) sul monte Pasubio.

In meno di dodici mesi la strada di oltre 6 chilometri venne completata con 52 gallerie arditissime, scavate nella roccia mentre infuriava il conflitto bellico; da quota 1.216 metri la strada, una mulattiera larga abbastanza per far passare nelle due direzioni due muli con le salmerie, arrivava fino a 1.928 metri. Era una strada pensata per raggiungere in maniera sicura le retrovie e non, diversamente da tante altre gallerie di guerra dell’epoca, per minare le postazioni nemiche e farle saltare in aria.

La 33esima Compagnia Minatori realizzò la strada utilizzando 150-220 uomini che d’estate raggiunsero la cifra di 600 persone al lavoro contemporaneamente. Non si parla solo di alpini abituati a quelle altezze e a quel clima: nella Compagnia erano presenti anche numerosi meridionali, tra cui un intero plotone di sardi, molti dei quali vedevano le montagne per la prima volta.

Ogni singola galleria è numerata e con una denominazione caratteristica di località o di famosi militari, dal 1991 sono state apposte delle targhe con numero e dedica per ricordare la vecchia designazione. Il percorso è perfettamente agibile oggi, grazie alla continua manutenzione del CAI di Schio e degli Alpini che mettono continuamente in sicurezza la strada dalle frane e dai ripetuti smottamenti.

La strada è oggi uno straordinario percorso paesaggistico e storico, vietato alle biciclette a causa di alcuni incidenti mortali, ma percorribile in poche ore di camminata alpina. Per ricordarne la costruzione iniziata cento anni fa è stata organizzata una mostra fotografica Palazzo Fogazzaro di Schio (Vicenza), dal 26 marzo al 24 settembre del 2017.

Autore