Indra: l’Azienda rinnova l’intera rete di sorveglianza aerea tedesca con nuovi radar all’avanguardia per un’aviazione più digitale, sicura e sostenibile

ROMA. Indra, società leader a livello mondiale nell’ingegneria tecnologica per i settori aerospaziale, della difesa e della mobilità, che opera in Italia attraverso la società Minsait, ha firmato un contratto con il fornitore di servizi di navigazione aerea tedesco DFS per modernizzare l’intera rete di radar di sorveglianza aerea del Paese con una tecnologia all’avanguardia.

Il progetto, con un periodo di esecuzione di 13 anni, ha un valore di oltre 100 milioni di euro, che sarà esteso in base all’attivazione delle varie opzioni previste.

A seguito di una gara d’appalto pubblica, l’azienda ha battuto i principali produttori del mercato, grazie alla proposta valutata tecnicamente migliore e più competitiva.

L’azienda si è così aggiudicata il suo più grande contratto di sorveglianza della gestione del traffico aereo (ATM) per fornire la sorveglianza di un paese grande e tecnologicamente avanzato con rotte europee chiave, come la Germania.

Un radar Indra

Il progetto migliorerà la sicurezza, la capacità, l’efficienza e la compatibilità ambientale del traffico aereo nel Paese, contribuendo a ridurre le emissioni di CO2.

La tecnologia di Indra sostituirà i sistemi attualmente in funzione che stanno raggiungendo la fine della loro operatività. In particolare, l’azienda dispiegherà un minimo di 23 nuovi sistemi, 19 dei quali dotati di un radar PSR primario e di un radar secondario Mode S e 4 di essi con soli radar secondari Mode S.

I sistemi saranno dedicati alla sorveglianza del traffico aereo sia in rotta che in avvicinamento ai principali aeroporti tedeschi. Per mantenere la sicurezza e l’efficienza della rete di sorveglianza del Paese, sarà necessario installare i radar su base temporanea e trasferirli nelle installazioni definitive. Pertanto, nei diversi siti dovranno essere svolte più di 42 attività di installazione, messa in servizio, ottimizzazione e transizione.

Siamo molto orgogliosi che un cliente esigente e di alto livello come DFS abbia ancora una volta riposto la sua fiducia in Indra, nella nostra tecnologia e nelle capacità dei nostri team, per affrontare un progetto di ristrutturazione così ambizioso e complesso, che siamo certi diventerà un punto di riferimento su scala europea e globale. Abbiamo già una lunga storia di collaborazione con DFS nell’ambito dell’alleanza iTEC per realizzare il Cielo Unico Europeo, e questo nuovo progetto sarà un altro passo avanti nel nostro cammino comune verso un traffico aereo più sicuro, più efficiente e con una minore impronta ambientale“, ha dichiarato Ignacio Mataix, CEO di Indra.

Siamo impazienti di modernizzare la nostra infrastruttura radar di sorveglianza critica, riducendo al contempo i costi del ciclo di vita e le emissioni di CO2 grazie alla riduzione del consumo energetico e all’ammodernamento delle strutture”. La sostenibilità è la chiave di ogni nostra decisione. Con le capacità tecnologiche di Indra potremo soddisfare i nostri requisiti per il complesso spazio aereo sopra la Germania, nel cuore dell’Europa“, afferma Arndt Schoenemann, CEO di DFS.

Promuovere la digitalizzazione

I radar Indra soddisfano i più elevati standard qualitativi e incorporano le più avanzate tecnologie digitali, come i trasmettitori basati su GaN, l’elaborazione del segnale completamente digitale e un algoritmo di tracciamento multisensore non lineare. Il sistema di controllo e monitoraggio radar RMMS è implementato su un cloud privato con funzioni di big data e capacità di manutenzione predittiva attraverso meccanismi di machine learning.

I radar possono così garantire una visione più accurata dei movimenti aerei e facilitare una gestione del volo molto più efficiente e sicura, anche in situazioni di elevato rumore (clutter), interferenze o anomalie causate dal maltempo o dal terreno accidentato.

Sistemi di controllo Indra

 

 

Le informazioni raccolte dai radar primari sono a loro volta integrate da quelle ricevute dai radar secondari MSSR di Indra, i più avanzati sul mercato, con la capacità di interrogare e identificare selettivamente gli aeromobili, informazioni a loro volta rafforzate da quelle ricevute dai sistemi ADS-B integrati, che migliorano la capacità di rilevamento del radar e riducono l’eccesso di reinterrogazione. Questo sistema Mode S è una soluzione radar ad alte prestazioni che offre una grande flessibilità per adattarsi alle esigenze dei clienti.

I nuovi radar incorporano anche tecniche e algoritmi avanzati, sviluppati internamente da Indra, che mitigano i riflessi e il rumore solitamente causati dalle turbine eoliche e dai pannelli solari sul segnale. Questa capacità pionieristica risponde a una sfida tecnica e operativa per gli aeroporti e consente di collocare questo tipo di impianti in prossimità dei radar, eliminando qualsiasi ostacolo alla produzione di energie rinnovabili.

Questo progetto unico per DFS rafforza il ruolo di Indra come azienda leader globale nel settore che sta sviluppando le soluzioni che trasformeranno la navigazione aerea nei prossimi anni. L’azienda ha installato più di 6.000 impianti in 180 Paesi e i suoi sistemi hanno contribuito alla sicurezza di oltre 200 milioni di atterraggi sicuri in 1.400 aeroporti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore