Leonardo: la a4ESSOR S.A.S ha ottenuto l’accettazione formale della forma d’onda High Data Rate (HDR) Base Waveform

Parigi. La a4ESSOR S.A.S (Alliance for ESSOR) ha ottenuto l’accettazione formale della forma d’onda High Data Rate (HDR) Base Waveform, progettata nell’ambito del contratto ESSOR OC1 (European Secure SOftware Definito Radio – Operational Capability 1) firmato con OCCAR (Organization Conjointe de Coopération en matière d’ARmement).

Si tratta di un importante risultato che premia due anni e mezzo di attività di sviluppo

Questo passaggio segue il riconoscimento di qualità e i test di accettazione della forma d’onda, effettuati con successo a novembre scorso nei laboratori Leonardo di Pisa.

Si tratta di un importante risultato che premia due anni e mezzo di attività di sviluppo che hanno coinvolto tutte le industrie partner.

Nella fase successiva i partner di a4ESSOR porteranno la forma d’onda ESSOR HDR Base Waveform nelle rispettive Software Defined Radio (SDR).

I test finali di interoperabilità tra le radio dei Paesi coinvolti completeranno il progetto ESSOR OC1 con il rilascio di ESSOR Target Waveforms aggiornate e pronte per essere impiegate negli scenari operativi.

Questo traguardo conferma non solo la maturità della tecnologia ESSOR ma dimostra anche che la cooperazione, sia tra Stati che tra aziende, rappresenta un elemento chiave per aumentare l’efficacia dei prodotti e la competitività delle industrie europee attive nel mercato mondiale delle comunicazioni.

La a4ESSOR è una joint venture tra Bittium (Finlandia), Indra (Spagna), Leonardo (Italia), Radmor (Polonia), Rohde & Schwarz (Germania) e Thales (Francia), responsabile della gestione delle attività industriali nel quadro del programma ESSOR e del coordinamento del lavoro di tutti i partner.

Il programma ESSOR è stato lanciato nel 2009 sotto l’egida dell’Agenzia Europea per la Difesa (EDA).

L’obiettivo è sviluppare un’architettura radio software e una nuova compagine ESSOR HDR WF, al fine di facilitare l’interoperabilità tra le Forze Armate europee.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore