Libano del Sud: il contingente italiano conclude altri due progetti CIMIC a Tiro

Di Ferdinando Ceglia

Tiro (Libano del Sud). Il contingente italiano ha portato a termine altri due progetti CIMIC.

Continua così l’opera di vicinanza e supporto alle istituzioni locali del Libano meridionale anche attraverso progetti dedicati alla Green power.

Una delle attività CIMIC a Tiro

Il progetto prevede la produzione di energia elettrica a Tiro in favore degli uffici della Municipalità ,della Centrale Operativa e della sede delle Forze Armate libanesi, attraverso la fornitura e messa in opera di due impianti fotovoltaici.

Uno dei pannelli fotovoltaici donati dal contingente italiano

I progetti sono stati conclusi nei giorni scorsi.

Ad entrambe le cerimonie di inaugurazione ha partecipato il Generale di Brigata Massimiliano Stecca*, Comandante del Settore Ovest di UNIFIL e del Contingente Italiano in Libano.

Il sindaco di Tiro, Hassan Mohammed Dbouk e il Generale di Brigata Maroun Kobayati, Comandante delle Forze Armate Libanesi del South Litani Sector (SLS) hanno presieduto
i rispettivi eventi.

Il sindaco Dbouk ha enfatizzato l’importanza del progetto per il Comune e, di riflesso, per la popolazione tutta “di questa donazione beneficeranno tutti perché potremo garantire un servizio
migliore alla comunità di Tiro riveste ancora più importanza in questo momento di crisi energetica che stiamo attraversando”.

Anche il Generale Kobayati, durante il suo intervento, ha ringraziato l’Italia ed il Generale Stecca.

“Questi pannelli – ha detto – che alimenteranno la Centrale Operativa,  permetteranno ai miei uomini di meglio operare a tutela di tutta la comunità”.

La donazione, organizzata dalla Cellula G9 (Cooperazione Civile-Militare) del Comando del Sector West, si inquadra nell’area di intervento destinata alle Amministrazioni , Forze di Sicurezza e di Supporto, essenziale all’ambiente civile (settore energia).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore