Marina Militare: il ministro della Difesa Lorenzo Guerini saluta il personale di Nave Cavour. La Portaerei in navigazione verso gli USA dove acquisirà la certificazione per operare con l’F35B

Taranto. Visita a bordo, oggi, su Nave Cavour del ministro della Difesa Lorenzo Guerini.

L’arrivo del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini

Il ministro si è recato sulla Portaerei, in navigazione nel Golfo di Taranto, per rivolgere il suo saluto all’equipaggio e al Comandante della nave Ammiraglia della Marina Militare, partita ieri per gli Stati Uniti d’America dove acquisirà la certificazione per operare con l’F35B.

Nave Cavour in navigazione

Il ministro, accompagnato dal Generale Enzo Vecciarelli, capo di Stato Maggiore della Difesa, l’Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, capo di Stato Maggiore della Marina e l’Ammiraglio Paolo Treu, Comandante in Capo della Squadra Navale, ha voluto rivolgere il suo saluto al Comandante della nave, Capitano di Vascello Giancarlo Ciappina e all’equipaggio.

“Si tratta certamente di un’attività di natura tecnico-operativa – ha detto Guerini – ma con risvolti importanti sul piano strategico-militare per la Difesa e per il Paese nel panorama internazionale. L’Italia, infatti, diventerà uno dei pochi Paesi al mondo, insieme a Stati Uniti, Gran Bretagna e Giappone, a poter esprimere una capacità portaerei con velivoli da combattimento di 5ª generazione”.

Il discorso del ministro della Difesa, Lorenzo Guerini

Per il titolare della Difesa si tratta di un risultato che non sarebbe stato raggiunto “senza la tenacia, la professionalità, l’abnegazione di donne e uomini che credono fortemente nella loro professione e nella loro missione, pronti a dimostrare le loro capacità in ogni occasione, generosi e straordinari professionisti del Mare”.

”La convergenza di intenti tra Italia e Stati Uniti sul reciproco rafforzamento e integrazione delle proprie forze navali – ha aggiunto il ministro – vede in questa missione un’importante ulteriore occasione di verifica operativa. Questa campagna consentirà di aumentare ulteriormente, anche in ottica interforze, le capacità che la Difesa e la Marina in particolare, sapranno mettere a disposizione dell’Italia”.

Il personale schierato sul ponte della Portaerei Cavour

“Vi recherete negli Stati Uniti – ha concluso il ministro – una grande nazione con cui il nostro Paese ha un legame profondo, che si fonda sulla storia, sulla condivisione di valori, sulla cultura e sui legami umani. Il rapporto transatlantico riveste un ruolo essenziale per l’Italia nello scenario internazionale e nella cornice di sicurezza collettiva della NATO. Vi chiedo di essere attori protagonisti di questo rapporto e di contribuire a rafforzarlo ulteriormente”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore