NATO SFA COE: cambio al vertice al Centro di Eccellenza NATO

ROMA. La cerimonia del cambio è stata presieduta dal Generale di Corpo d’Armata Carlo Lamanna, Comandante del Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito COMFORDOT alla presenza di numerose autorità nazionali e straniere che collaborano con il Centro di Eccellenza.

Un momento della cerimonia

​Nelle fasi iniziali dell’evento sono intervenuti il prof. Fabrizio Luciolli, Presidente del Comitato Atlantico Italiano, e l’Ammiraglio di Divisione Placido Torresi, Deputy Chief of Staff  del Joint Force Development (DCOS JFD) del Comando NATO Allied Command Transformation (ACT), che hanno evidenziato rispettivamente le sfide della NATO discendenti dal NATO Strategic Concept del 2022 e i programmi di implementazione di ACT quali le Multidomain Operations (MDO) e le Emerging Disruptive Technologies (EDT), che si avvalgono anche dell’importante contributo dei Centri di Eccellenza della NATO.

​A seguire il Col. Mietta Groeneveld, direttrice del NATO Command and Control Centre of Excellence (C2COE) e decana dei 29 direttori dei Centri di Eccellenza accreditati dalla NATO, ha enfatizzato l’impegno delle nazioni sponsor che attraverso i COE sviluppano progetti significativi ed innovativi a supporto all’Alleanza e la crescente rilevanza della Security Force Assistance nell’intero spettro delle operazioni.

Il Gen. C.A. Lamanna, durante il suo intervento di chiusura ha tracciato un bilancio del periodo di comando del Direttore cedente, evidenziando le molteplici attività volte a migliorare e aumentare la visibilità, presenza e credibilità del NATO SFA ​COE tra i paritetici organismi della NATO e all’interno dell’ampia comunità di interesse internazionale sulla SFA.

In particolare, ha menzionato la proficua azione di sottoscrizione del primo accordo di cooperazione tra un COE della NATO con il Department for Peace Operations (DPO) dell’ONU, nell’ambito dei progetti di ricerca sulla SFA e la Security Sector Reform, e con SHAPE e l’Istituto di Diritto Umanitario di Sanremo per attività di studio sulla Stabilizzazione e Ricostruzione a seguito di conflitti. Infine, ha augurato i migliori auspici al nuovo Direttore, Colonnello Matteo Luciani, che subentra dopo avere ceduto il comando del 152° Fanteria “Sassari” in Sassari.

​Il Colonnello Massimo Di Pietro nel suo saluto di commiato ha inteso ringraziare i suoi collaboratori e tutti coloro che hanno elevato il prestigio del Centro arricchendo con la loro presenza la qualità delle conferenze, gli eventi di formazione, le tavole rotonde e i progetti editoriali sui temi della SFA, consentendo così al NATO SFA COE di diventare un autorevole punto di riferimento per l’Alleanza e i suoi Paesi Partner.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore