Perù: “Moralidad, disciplina y trabajo”, breve storia del Collegio Militare Francisco Bolognesi, la Nunziatella andina

Di Gerardo Severino*

LIMA (nostro servizio particolare). In un precedente articolo dedicato all’Eroe nazionale peruviano, di origini italiane, Colonnello Francisco Bolognesi, avevamo fatto solo marginalmente cenno al Collegio Militare che ne porta il nome, in quel di Arequipa, sua città natale[1].

Il Colonnello Francisco Bolognesi ad Arica( 7 giugno 1880)

Il Colonnello Bolognesi, che morì – lo ricordiamo – in combattimento ad Arica il 7 giugno 1880, nel corso della “Guerra del Pacifico”, ha rappresentato e rappresenta tuttora l’esempio più alto di quanto gli emigrati italiani e i loro figli abbiano fatto per il Perù, ed è per questo che vogliamo oggi dedicare questo modesto approfondimento alla celebre Scuola Militare che nel 1952 ne assunse orgogliosamente il nome, volendo anche evidenziare l’elevata importanza che l’alto Istituto di formazione basica dell’Esercito Peruviano riveste, e non solo per la Forza Armata.

Le frontiere prima della Guerra del Pacifico

IL COLLEGIO MILITARE DI AREQUIPA  (1946 – 2023)

La storia del Collegio Militare “Francisco Bolognesi” ci porta indietro nel tempo, praticamente al 2° dopoguerra, allorquando esso fu istituito con Decreto Supremo dell’8 ottobre 1946, durante il Governo del Presidente José Luis Bustamante y Rivero.

Il Collegio Militare “Francisco Bolognesi” in una foto degli anni ’60

Con sede in Arequipa, esattamente in Avenida Víctor Raúl Haya de la Torre (Distrito de Alto Selva Alegre), il Collegio ha oggi la veste di un’Istituzione educativa militare pubblica, molto simile alle nostre gloriose Scuole MilitariNunziatella”, con sede a Napoli e “Teulié”, con sede a Milano.

Disciplinato dai vari Regolamenti emessi sia dal Ministero della Difesa che da quello dell’Istruzione, il Collegio iniziò, di fatto, a funzionare solo nel corso del 1952, durante il Governo del Generale Manuel A. Odría.

Il 1° aprile fu, quindi, istituito materialmente, mentre il 16 agosto 1952 fu la data ufficiale dell’inaugurazione.

Il suo primo Direttore fu il Tenente Colonnello Jorge Muñiz Luna.

Nel 1978, per disposizione del Ministero dell’Istruzione, il Collegio fu, quindi, trasformato in “Scuola Superiore di Istruzione Professionale” (ESEP).

Questo rientrava nell’ambito della riforma scolastica varata sin dal 1972 dall’allora Governo Militare.

Nel 1982, a 30 anni esatti dalla sua inaugurazione, il Collegio “Francisco Bolognesi” tornò, invece, al suo precedente status, quello di una Scuola secondaria militarizzata, con classi che andavano dalla 3^ alla 5^.

Nel suo ambito, nel corso del 1994 è stato, poi, istituito il “Centro di formazione professionale” (CEO), destinato a formare i cadetti, indipendentemente dalla loro formazione accademica, anche nelle specialità di: meccanica di produzione, informatica e carpenteria metallica.

Nel 2006 ha, inoltre, ampliato la copertura didattica del 1° e del 2° anno della Scuola secondaria di secondo grado, per gli studenti in tirocinio.

Altra importante tappa storica ci porta, infine, al 2018, allorquando, sotto la Direzione del Colonnello dell’Esercito, Juan José Soto Flores, coadiuvato dal Maggiore Alejandro Guerrero Conde, allora Comandante del Battaglione dei Cadetti, un’ampia riforma interessò da vicino il Collegio “Bolognesi”, al quale fu demandata una migliore qualità educativa, tale da raggiungere gli standard più elevati per i discenti e ottenere, di conseguenza, l’accreditamento internazionale dell’Istituzione.

IL COLLEGIO DI AREQUIPA, FUCINA DI GRANDI SOLDATI E OTTIMI PROFESSIONISTI

A oltre 70 anni dalla sua apertura, il Collegio Militare “Francisco Bolognesi” di Arequipa si presenta oggi come una Scuola Militare particolarmente moderna, vigorosa e, soprattutto, dotata di un solido prestigio internazionale, riguardo alla formazione della gioventù. Ai cadetti vengono, infatti, impartiti anche altri nobilissimi valori e sentimenti, oltre alla disciplina militare e la pratica sportiva, quali, ad esempio: la solidarietà, il rispetto del lavoro e soprattutto il culto della Patria e dei suoi Eroi.

In omaggio al suo motto: “Moralidad, Disciplina y Trabajo”, la Scuola forma annualmente centinaia di giovani peruviani, destinanti non solo ad un’eventuale carriera militare, come del resto avviene per la “Nunziatella” e  la “Teulié”, ma anche alla formazione della futura classe dirigente del Paese.

In effetti, il Collegio “Bolognesi”, durante tutti questi decenni al servizio del Perù ha forgiato un gran numero di professionisti, i quali si sono distinti sia in Patria che all’estero, raggiungendo posizioni di tutto rilievo.

Composto da una Direzione Generale e da una organizzazione interna molto simile a quella degli omologhi Istituti di formazione Peruviani, quindi anche in linea con gli standard di proiezione internazionali, il Collegio provvede al completamento della formazione scolastica superiore dei giovanissimi studenti. In esso vi si accede a partire dal 3° anno delle Scuole Superiori, e in età compresa dai 12 ai 16 anni.

Ai frequentatori viene conferito non solo il livello culturale proprio del ciclo accademico contemplato dai Ministeri competenti, ma anche i sani principi dell’etica, dell’equità, dell’interculturalità, così come l’importanza della democrazia, la creatività e l’innovazione, la coscienza ambientale, l’inclusione, per non dimenticare, infine, quei valori civici e patriottici che consentiranno loro di essere eccellenti cittadini, sia per il bene della società che per la Patria in generale. In estrema sintesi, i suoi attuali obiettivi istituzionali sono finalizzati al raggiungimento di:

  • un’educazione che consenta lo sviluppo del pensiero critico, riflessivo, creativo e libero
  • un’educazione che formi leader impegnati nel loro Paese, contribuendo con soluzioni ai problemi che lo riguardano
  • promuovere l’identità culturale della Nazione
  • fornire un’istruzione con uno spirito di ricerca che faciliti lo sviluppo della scienza e della tecnologia
  • partecipazione della comunità educativa al processo decisionale a vantaggio dell’istituzione educativa.

Il Collegio è attualmente diretto dal Colonnello di Cavalleria Jaime Alberto Uribe Livelli, coadiuvato da un Vice Direttore per la parte militare e da un Vice Direttore per quella Accademica, dal Comandante di Battaglione, nonché da funzionari e professori e altro personale tecnico. Buon lavoro, dunque, al Collegio Militare di Arequipa, che con tanto onore ha perpetuato e perpetuerà in futuro il sacro nome di Francisco Bolognesi, il grande Eroe peruviano dal sangue italiano.

NOTA

[1] Cfr. Gerardo Severino, “Perù. Storia del Colonnello Francisco Bolognesi Cervantes. Il ligure che visse e morì per il Paese Andino”, in www.reportdifesa.it  (18 ottobre 2022).

*Colonnello (Aus) della Guardia di Finanza –  Storico Militare

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore