Polizia Stradale: operazione “Seatbelt” in tutta Europa. Una settimana di incisivi controlli sulle principali arterie. In campo circa 4 mila pattuglie

Roma. Le Polizie Stradali di tutta Europa hanno dedicato un’intera settimana a presidiare le vie di grande comunicazione, per verificare il rispetto da parte di conducenti di auto e TIR delle regole sull’uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta dei bambini.

I controlli su strada della Polizia italiana

L’Operazione “Seatbelt” è stata coordinata da ROADPOL, network sulla sicurezza stradale cui aderiscono quasi tutti i Paesi membri, oltre a Svizzera, Serbia, Turchia e in qualità di osservatore la Polstrada di Dubai, con lo scopo di suscitare consapevolezza in chi si mette al volante dei pericoli che si corrono quando si guida senza allacciare le cinture, che in caso di incidente fanno sempre la differenza tra la vita e la morte.

Anche l’Italia ha fatto la sua parte con la Polizia Stradale, che ha schierato in campo quasi 4 mila pattuglie, compreso auto e moto civetta, controllando 22.619 mezzi, identificando 43.888 persone, contestando in tutto 6.955 infrazioni e defalcando 14.420 punti dalle patenti.

I poliziotti hanno agito in base a una specifica strategia, volta a valorizzare l’attività di prevenzione e a far comprendere a tutti quelli che vanno in strada l’importanza della cultura della guida sicura.

L’obiettivo che si è posto l’Europa, ossia dimezzare il numero di incidenti stradali entro il 2030 e addirittura azzerarlo per la fine del 2050, non si potrà mai raggiungere senza condotte di guida virtuose da parte di tutti, tra automobilisti, camionisti, motociclisti, ciclisti, conducenti di monopattini e pedoni.

Le violazioni specifiche contestate sono state 2.884, di cui 100 riferite ai sedili posteriori e 29 ai seggiolini per bambini.

La Polizia Stradale hanno anche recuperato 5 chili di droga tra cocaina, eroina e hashish, nonché sequestrato 8 armi e merce rubata.

Sono stati arrestati 5 latitanti, tra cui uno che doveva scontare quasi 7 anni di carcere.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore