Portorico, il 97% vuole diventare cittadino Usa. Ma l’opposizione sostiene che è stato un fallimento perché ha votato solo il 22% degli aventi diritto

San Juan di Portorico. Il 97% dei portoricani vuole diventare cittadino statunitense. I risultati di un referendum non vincolante, tenutosi ieri, ha evidenziato un aumento dei cittadini favorevoli a questa scelta. Si tratta di un risultato molto importante rispetto a quello del 2012 che vide solo un 61,15% delle preferenze favorevoli.

Sostenitori del referendum festeggiano dopo il voto

L’opposizione indipendentista ha registrato una sonora sconfitta (1,5% dei voti favorevoli).

“Oggi i portoricani hanno inviato un messaggio forte e chiaro al Congresso degli Stati Uniti e del mondo – ha dichiarato il Governatore di Porto Rico, Ricardo Rosselló – Fa parte di questa generazione di portoricani esigere e reclamare a Washington la fine di una indegna relazione coloniale ed iniziare il processo di incorporazione di Porto Rico come nuovo Stato dell’Unione”.

Bisognerà vedere se il Parlamento Usa terrà conto delle istanze portoricane. Intanto, aggiunge il Governatore “il nostro voto è stato un voto per far valere la dignità del nostro Paese”.

Al referendum ha partecipato solo il 23% degli aventi diritto, tanto che l’opposizione lo ha definito “un fallimento”.

Autore