SPECIALE SEA FUTURE 2021: La Guardia di Finanza presente al salone di La Spezia con un guardacoste classe Buratti

La Spezia – dal nostro inviato.  Anche la Guardia di Finanza, come altre Forze di Polizia, è presente con un suo stand e con una sua unità alla 7^ edizione del Sea Future di La Spezia, che si conclude oggi.

La Guardia di Finanza in azione sul mare

Con il Colonnello Italo Spalvieri, comandante del ROAN (Reparto Operativo Aeronavale) di Genova entriamo nello specifico del ruolo della GDF sul mare.

“Siamo stati già presenti al Sea Future – spiega a Report Difesa – con unità navali come le guardacoste e unità minori molto veloci. Quest’anno schieriamo invece un guardacoste classe Buratti, alla presenza delle Marine di tutto il mondo”.

La Guardia di Finanza, così come è stato riconosciuto dal decreto 177 è una Forza di Polizia del mare.

In occasione del Sea Future, i finanzieri hanno garantito una cornice di sicurezza, oltre a presentare in uno stand espositivo le loro attività.

Lo stand espositivo della GDF al Sea Future di La Spezia

Le Fiamme Gialle espletano le loro attività sul mare per ordine e sicurezza pubblica.

Un’attività della Guardia di Finanza sul mare

In questa veste, nei primi 9 mesi del 2021, hanno compiuto oltre 350 navigazioni.

La GdF, evidenzia lil Comandante del ROAN, vuole essere sempre vicina ai cittadini, sostenerli, consigliarli su come ci si comporta in mare, per salvaguardare la vita umana.

Per quanto riguarda i reati riscontrati in Liguria da parte delle Fiamme Gialle ci sono da citare quelli legati all’ambiente.

“Lavoriamo in stretta sinergia con la Procura- spiega ancora il Colonnello Spalvieri -. Stiamo conducendo altre attività, di cui aspettiamo gli esiti”.

Saliamo a bordo del guardacoste “Finanziere Perissinotto” della classe Buratti.

L’unità guardacoste “Finanziere Perissinotto” a La Spezia

Unità di questo tipo vengono utilizzate fino ai limiti del mare territoriale e dei confini dello Stato.

Per quanto riguarda la Liguria arrivano fino a Ventimiglia, Imperia.

La velocità è di circa 30 nodi, con un’autonomia di 600 miglia.

Tra le attività della Guardia di Finanza sul mare ci sono i controlli di traffici illeciti (uno su tutti quello della droga) e delle imbarcazioni battenti bandiera dei Paesi dell’Unione europea ed extraeuropea per quanto riguarda i reati fiscali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore