Thales: accordo con Google Cloud per proteggere i dati con l’Intelligenza Artificiale

PARIGI. Thales, leader globale nell’alta tecnologia e nella sicurezza informatica annuncia una nuova partnership con Google Cloud per lo sviluppo di nuove funzionalità per la protezione dei dati basate sull’Intelligenza Artificiale generativa.

Ciò permetterà alle aziende clienti di scoprire, classificare e proteggere i loro dati più sensibili.

L’accordo fa parte della strategia Thales di sviluppare sistemi basati sull’A.I. generativa, per portare nuove funzionalità ai Clienti che utilizzano la piattaforma Thales CipherTrust.

Un numero crescente di aziende archivia informazioni sensibili nel cloud.

Secondo il Rapporto Thales sulle minacce informatiche, tuttavia, solo il 24% di esse sa dove sono archiviati i suoi dati.

Grazie alla collaborazione con Google Cloud, Thales utilizzerà l’Intelligenza Artificiale per migliorare le funzionalità della  CipherTrust Data Security Platform.

Accordo tra Thales e Google Cloud per proteggere i dati con l’Intelligenza Artificiale

In tal modo, le aziende clienti possono scoprire, classificare e proteggere i loro dati sensibili nel cloud, migliorare l’efficienza operativa, ridurre i tempi per la compliance e superare le lacune in tema di sicurezza informatica.

Tra i servizi di Intelligent Protection della Piattaforma Thales CipherTrust si aggiungerà la nuova funzionalità del “Data Discovery and Classification Machine Learning”, basata su Vertex AI, che migliorerà la scoperta e la classificazione attuali.

Con il sistema di machine learning, i dati vengono classificati in varie categorie e sottocategorie, sfruttando il “named entity recognition” per scoprire diverse tipologie di informazioni sensibili.

Le tecniche di machine learning aumenteranno l’individuazione e la classificazione dei dati utilizzando il contesto semantico per individuare e classificare le informazioni sensibili da una serie di archivi di documenti aziendali, garantendo al contempo che i dati sensibili rimangano entro i perimetri stabiliti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore