Afghanistan: i binomi K9 operativi nella missione “Resolute Support”

Herat. Nel contingente italiano della missione in Afghanistan “Resolute Support”, attualmente su base 132^ Brigata corazzata “Ariete” al comando del Generale di Brigata Enrico Barduani, operano, a supporto degli assetti di Force Protection, unità cinofile convenzionalmente indicate con la sigla K9, con il compito di contribuire alla sicurezza del personale e delle installazioni militari, in particolare nelle operazioni di ricerca di ordigni e materiali esplosivi (EDD, Explosive Detection Dog).

I binomi K9 impegnati in attività di Route Clearance in Afghanistan

I binomi K9, formati da conduttore e cane, sono impiegati principalmente nel controllo degli autoveicoli e del personale in ingresso a Camp Arena, sede del Train Advise Assist Command West (TAAC-W) ma svolgono anche attività di ricerca di esplosivi sul terreno (Route Clearence) e, grazie alla loro “capacità combat”, affiancano il personale nelle attività operative di controllo e vigilanza di aree e punti sensibili, anche nel trasporto tattico su qualsiasi tipo di mezzo militare.

Le unità cinofile, che provengono dal Centro Militare Veterinario dell’Esercito di Grosseto, struttura d’eccellenza delle Forze Armate italiane per la selezione e la formazione dei quattro zampe militari e del personale conduttore, prima dell’immissione in teatro operativo svolgono un intenso ciclo di addestramento, attagliato alle specifiche esigenze di impiego, al contesto e all’area geografica in cui dovranno operare.

Un binomio K9 impegnato in un elitrasporto tattico

Il TAAC-WEST, Comando NATO a guida italiana, in cui operano uomini e donne dell’Esercito Italiano, dell’Aeronautica Militare, della Marina Militare e dell’Arma dei Carabinieri, è responsabile nell’ambito dell’operazione Resolute Support” della parte occidentale dell’Afghanistan, che comprende le province di Herat, Badghis, Farah e Ghor, per un’estensione territoriale pari all’intero Nord Italia e una popolazione di circa quattro milioni di abitanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore