Carabinieri: il Generale di Corpo d’Armata Carmelo Burgio è il nuovo Comandante Interregionale “Podgora”

Roma. Il Generale di Corpo d’Armata Carmelo Burgio è il nuovo Comandante Interregionale Carabinieri “Podgora”.

Un momento della cerimonia del cambio al vertice interregionale “Podgora”. Da sinistra il Comandante Generale dei Carabinieri, Giovanni Nistri e il Generale Ilio Ciceri

Il Generale Burgio subentra al pari grado Ilio Ciceri che ha retto il Comando dal 18 luglio 2016 . E che, da domani, lascia il servizio attivo.

Il Generale di Corpo d’Armata Carmelo Burgio, nuovo Comandante Interregionale Carabinieri “Podgora”

La cerimonia si è svolta, ieri, presso la Caserma “Podgora” di via Garibaldi, a alla presenza del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Giovanni Nistri.

All’incontro, svoltosi in forma molto ristretta e secondo le disposizioni vigenti relative all’emergenza Covid-19, hanno presenziato i Comandanti delle Legioni Carabinieri Lazio, Marche, Sardegna, Toscana e Umbria, alle dirette dipendenze del Comando Interregionale “Podgora” e alcuni delegati della Rappresentanza militare.

Il Generale di Corpo d’Armata Carmelo Burgio proviene da Messina dove, dal 17 gennaio dello scorso anno, ha retto il Comando Interregionale Carabinieri “Culqualber”.

Precedentemente, da Generale di Divisione, dal 23 luglio 2019 ha ricoperto l’incarico di Comandante delle Scuole dell’Arma dei Carabinieri, Comando di Vertice dell’Organizzazione Addestrativa dell’Arma dei Carabinieri.

Dal 2 gennaio 2017 è stato anche Ispettore degli Istituti di Specializzazione dell’Arma dei Carabinieri.

In precedenza era stato vice direttore presso l’Istituto Alti Studi della Difesa (IASD), del Centro Altri Studi della Difesa.

Nel 1972, all’età di 15 anni, è stato ammesso alla Scuola militare “Nunziatella” e dal 1976 al 1978 ha frequentato l’Accademia Militare di Modena.

Con il grado di Sottotenente e Tenente ha prestato servizio presso il Battaglione Paracadutisti per due anni. Dopo un impiego di tre anni al Gruppo di Intervento Speciale, è stato assegnato al Nucleo Carabinieri presso la Presidenza della Repubblica Italiana.

Nel corso della propria carriera professionale ha assunto l’incarico di Comandante sia del Battaglione sia del Reggimento Carabinieri Paracadutisti e, nella linea territoriale dell’Arma dei Carabinieri, quella di Comandante di Compagnia di Cagliari, Comandante Provinciale di Trapani e Caserta, occupandosi principalmente di lotta alla criminalità organizzata.

Dal 1994 al 1996 ha svolto incarichi di staff presso il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri.

Ha inoltre comandato la 1^ Brigata Mobile, il cui compito è quello di collaborare al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica sull’intero territorio nazionale.

Successivamente è stato Capo di Stato Maggiore del Comando Unità Mobili e Specializzate, quindi è stato assegnato alla Direzione Investigativa Antimafia (DIA) quale Capo del 1° Reparto (investigazioni preventive, controllo degli appalti pubblici, antiriciclaggio, transazioni finanziarie sospette) e del 3° Reparto (relazioni internazionali per investigazioni di polizia giudiziaria).

Nel corso della sua carriera è stato impiegato in numerosissime missioni all’estero.

Ha conseguito due lauree (Scienze Politiche e Scienze della Sicurezza nazionale ed internazionale) e due master in Studi Strategici, uno all’Università di Torino e l’altra allo I.A.S.D.

I maggiori riconoscimenti conseguiti sono la medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri, due Croci di Bronzo al Merito dell’Esercito, la medaglia “Legion of Merit” americana, la Medaglia d’Oro per Distinti Servizi rilasciata dal Ministro dell’Interno portoghese.

E’, inoltre, Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana e Cavaliere dell’Ordine di “Leopoldo II” del Belgio.

Il Generale di Corpo d’Armata Ilio Ciceri, 65 anni, originario di Albese con Cassano (Como), dopo 46 anni dedicati allo Stato e dell’Arma dei Carabinieri, con la cerimonia odierna, lascia anche il servizio.

Già Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri per un anno da marzo 2019, è stato, prima di assumere l’incarico di Comandante Interregionale “Podgora”, Capo di Stato Maggiore del Comando Generale dal luglio 2012 al luglio 2016.

In precedenza, il Generale Ciceri è stato, tra l’altro, comandante provinciale a Venezia, per poi passare al Comando Generale, prima a capo del II° Reparto e quindi sottocapo di Stato Maggiore dello stesso Comando Generale.

Dal settembre 2010 al luglio 2012, Ciceri è stato Comandante della Legione Carabinieri “Lazio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore