Carabinieri: operazione anticamorra a Napoli. In manette 16 persone. Tra esse, una è vicina al clan Mazzarella

Napoli. ICarabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito, la notte scorsa, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale partenopeo su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia (DDA), nei confronti di Farid Cinquegrana, sfuggito alla cattura del 19 novembre scorso, e di altri 5 indagati.

Operazione anticamorra dei Carabinieri di Napoli

Tutti sono accusati di appartenere a due contrapposti clan camorristici, ritenuti responsabili a vario titolo dei reati di estorsione, porto e detenzione illegale di armi, tutti aggravati dalla circostanza del metodo mafioso.

Le indagini, coordinate dalla DDA di Napoli, hanno consentito ai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli di localizzare l’uomo in un’abitazione a Castel Volturno (Caserta).

Sul conto del Cinquegrana, considerato vicino al Clan Mazzarella, le indagini hanno raccolto gravi indizi di colpevolezza in relazione all’esplosione di colpi d’arma da fuoco – avvenuta nel gennaio del 2018 – all’indirizzo degli emissari del clan “De Luca Bossa – Minichini – Rinaldi” incaricati della riscossione della “tangente” dal gestore di una “piazza di spaccio”, attiva nel quartiere “Mercato” e riconducibile al sodalizio dei “Mazzarella”.

L’evento si inquadra nell’ambito della violenta contrapposizione tra il sodalizio dei “Mazzarella” e quello dei “Minichini – Rinaldi – De Luca Bossa”, quest’ultimo interessato, tuttora, ad estendere la propria sfera di influenza dall’area di San Giovanni a Teduccio – Ponticelli a quella centrale del capoluogo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore