Carabinieri: ordinanza di custodia cautelare in carcere per 21 soggetti indiziati per vari reati

CATANIA. Nelle prime ore del mattino, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia, i Carabinieri della Compagnia di Randazzo (CT) e del Comando Provinciale di Catania, supportati dai reparti specializzati dell’Arma presenti nella Regione siciliana (Compagnia di Intervento Operativo del XII Reggimento “Sicilia”, Squadrone Eliportato “Cacciatori Sicilia”, nonché l’Aliquota di Primo Intervento e il Nucleo Cinofili), hanno eseguito, nelle Province di Catania, Cagliari e Riccione, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catania nei confronti di 21 soggetti indagati, a vario titolo, gravemente indiziati dei reati di “associazione di tipo mafioso”, “estorsione”, “traffico di sostanze stupefacenti”, “detenzione illegale di armi e munizioni”, aggravati dal metodo mafioso.

Arresto di soggetti trovati in possesso di armi e droga legati al clan

Nei confronti di altri 13 individui, invece, è stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini.

L’indagine, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia e condotta dai militari della Compagnia Carabinieri di Randazzo tra il luglio 2018 e il gennaio 2021, attraverso complesse attività tecniche e dinamiche, ulteriormente riscontrate dalle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia (che ha confermato la presenza storica del gruppo sul territorio), ha consentito di monitorare le evoluzioni delle dinamiche associative del clan, individuandone, allo stato degli atti, l’attuale “responsabile per l’area di Randazzo”, referente di zona per un soggetto, deceduto nel corso dell’indagine e figura apicale, finché in vita, del clan per l’intera fascia jonico-etnea.

Nell’attuale fase del procedimento, in cui non è stato ancora instaurato il contraddittorio tra le parti, le attività tecniche hanno disvelato come l’indagato, a partire dal febbraio 2008, appena riacquistata la libertà, sostituendosi al fratello (detenuto per omicidio plurimo) avrebbe impresso nuovo slancio alle attività criminali, incrementando, in particolare, sia le estorsioni ai danni di imprenditori locali, sia il traffico di sostanze stupefacenti.

Il materiale sequestrato dai Carabinieri di Catania durante l’operazione

Le investigazioni hanno altresì fatto emergere come l’indagato, nella quotidiana gestione delle attività illecite del sodalizio, ha costantemente adottato particolari cautele volte ad evitare che le sue conversazioni potessero essere ascoltate dalle Forze dell’Ordine, come l’utilizzo di una rete telefonica riservata, caratterizzata da utenze intestate ad ignari cittadini extracomunitari, sostituite di frequente.

E ancora, il ricorso a “nomi in codice” per indicare le sedi, di volta in volta diverse, deputate alla trattazione delle varie questioni di interesse del clan, che doveva avvenire esclusivamente in presenza.

In tali occasioni, l’indagato avrebbe sempre imposto ai suoi interlocutori di non portare i cellulari al seguito. In un quadro così articolato, avrebbero rivestito un ruolo di particolare rilievo sia i figli del suddetto sia suo nipote. Quest’ultimo, in qualità di “braccio destro” dello zio, evitando l’esposizione diretta dello stesso nella gestione degli affari illeciti della “famiglia” relativi agli approvvigionamenti degli stupefacenti traffico di stupefacenti, avrebbe mantenuto in particolare i contatti con soggetti appartenenti ad altre organizzazioni per l’approvvigionamento delle sostanze.

I Carabinieri di Catania hanno emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 21 soggetti indiziati per vari reati

Il pieno coinvolgimento del nipote all’interno dell’associazione mafiosa, sarebbe inoltre confermato dal fatto che quest’ultimo, unitamente a un altro soggetto, in diverse occasioni e su incarico dello zio, avrebbe preso parte a delicati incontri con soggetti di altre organizzazioni criminali.

Le indagini avrebbero, inoltre, hanno fatto emergere, in occasione delle elezioni amministrative del Comune di Randazzo dell’anno 2018, anche le interferenze del gruppo sull’amministrazione comunale ed, in particolare, su tre rappresentanti, attuali e passati, del Comune di Randazzo.

L’attività investigativa avrebbe, inoltre, documentato i “reati fine” strumentali al sostentamento del clan, tra i quali si pongono in evidenza le estorsioni ai danni di imprenditori del catanese, un fiorente traffico di cocaina, hashish e marijuana, gestito direttamente dal nipote sopracitato e da due fratelli, con il contributo di un altro soggetto appartenente al clan, nonché un ingente traffico illecito di armi, anche da guerra, costituenti un vero e proprio arsenale, custodite da altri complici.

Le armi e le munizioni sequestrate dai Carabinieri di Catania

Degno di nota poi il controllo, capillare e asfissiante, posto in essere dall’organizzazione criminale ai danni di solide attività economiche, anche attraverso l’imposizione di assunzioni di alcuni sodali del clan in quelle ditte. Altro dato particolarmente significativo ed allarmante è il controllo del territorio esercitato in loco dagli affiliati, i quali, dopo il passaggio delle forze dell’ordine, avrebbero chiesto alle persone del paese i motivi della presenza delle stesse acquisendo dettagliate informazioni al riguardo.

Per quanto riguarda le attività estorsive, le indagini avrebbero documentato estorsioni che sarebbero state consumate dal sodalizio criminale anche per fare fronte al mantenimento delle famiglie degli affiliati detenuti. Al riguardo, circa il “modus operandi” delle richieste estorsive, va sottolineato come le stesse sarebbero state eseguite da soggetti insospettabili, apparentemente del tutto estranei all’organizzazione criminale, ma chiaramente percepiti dalle vittime come mandati dal clan.

I Carabinieri di Catania in azione

In alcuni casi, la richiesta estorsiva veniva “annunciata” dal sodalizio attraverso il posizionamento di una bottiglia contente liquido infiammabile all’esterno della attività commerciale della vittima, accompagnata da un pizzino con la scritta: “cercati l’amico buono”. Al riguardo, nel corso delle attività, i Carabinieri sono riusciti a rilevare una dinamica estorsiva che persisteva da lungo tempo, intercettando un soggetto insospettabile, subito dopo aver riscosso circa € 4.000 da un imprenditore randazzese.

Quest’ultimo, in passato, era già stato vittima di pressanti richieste e di una serie di danneggiamenti. Nel corso delle investigazioni, a riscontro delle attività svolte, i Carabinieri hanno effettuato 15 arresti in flagranza di reato, in una circostanza per “detenzione illegale di numerose armi e munizioni anche da guerra” e nelle altre quattordici occasioni per “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti”.

In particolare, i militari sono riusciti a sequestrare, in relazione agli eventi connessi allo smercio di droga, 3 piantagioni di marijuana (oltre 3500 piante), 15 kg di marijuana, 2 serre per la produzione indoor di piante di canapa, con relativi gruppi di continuità, lampade, fertilizzanti, integratori per piante e riflettori di luce, 1 kg. di hashish, 50 gr. di cocaina.

Gli incontri tra i componenti del clan per la spartizione dei proventi

Per quanto concerne invece il materiale d’armamento, sono state recuperate 3 armi corte e 4 armi lunghe, tutte clandestine, oltre a canne, caricatori e componenti di armi, anche queste clandestine, nonché centinaia di munizioni di diverso calibro e persino un 1 metaldetector. Quest’ultimo sarebbe stato impiegato dagli indagati allo scopo di poter rinvenire i loro arsenali occultati in profondità nei terreni anche dopo molto tempo, senza dover segnalare, sulla superficie, il luogo deputato al loro sotterramento.

Ai 21 destinatari della misura della custodia cautelare in carcere, si aggiungono 13 soggetti nei confronti dei quali sarà notificato l’avviso di conclusione delle indagini. In esito alle catture verrà attivato il contraddittorio procedimentale, nel corso del quale gli indagati avranno la facoltà di fornire la loro versione dei fatti e indicare eventuali prove a discolpa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore