Difesa: il ministro Lorenzo Guerini incontra la sua omologa tedesca Christine Lambrecht

Roma. Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini, oggi a Monaco di Baviera, ha incontrato la sua omologa della Repubblica Federale tedesca Christine Lambrecht.

Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini con la sua omologa Christine Lambrecht

“Italia e Germania – ha detto il ministro Guerini – accomunate da solida amicizia e comunanza vedute sulle azioni da intraprendere per affrontare le sfide globali che interessano la nostra sicurezza”.

Il ministro si trova nella città tedesca per l’annuale “Munich Security Conference”.

Quella odierna è stata la prima occasione di incontro con la collega tedesca, che si è recentemente insediata, durante la quale i due ministri hanno condiviso la preoccupazione per l’evolversi della crisi in Ucraina e la situazione in Sahel.

Alla collega tedesca, Guerini ha ribadito la posizione dell’Italia in merito alla crisi ucraina, anche alla luce dei fattori di rischio ancora in corso.

Proseguire sulla strada della deterrenza e del dialogo, guardando con attenzione alle azioni che seguiranno dopo le dichiarazioni da parte russa di una volontà de-escalatoria.

“La NATO deve mantenere un ruolo centrale in questa crisi – ha spiegato – essendo la nostra una comunità non solo militare, ma una comunità che si basa su una comunanza di valori e sul principio di solidarietà”.

A seguire, un confronto anche sulla situazione in atto nella regione del Sahel, “la cui stabilità resta prioritaria per l’Italia”, come ribadito dal ministro e condiviso dalla sua collega “vero confine meridionale dell’Europa”.

In particolare, hanno avuto modo di confrontarsi in merito alla prosecuzione degli impegni operativi nella regione, nell’ambito delle iniziative UE e dell’ONU.

Focus anche sul Mediterraneo, su cui ricadono i riflessi di instabilità della regione saheliana.

L’ampiezza dei temi e degli impegni congiunti da trattare tra Italia e Germania richiederà un ulteriore confronto tra i due colleghi, che si svolgerà a stretto giro vista l’urgenza e l’importanza delle sfide alla sicurezza in corso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore