Esercito: conclusa la “Carnian 100 x 100”. L’ 8Reggimento Alpini si aggiudica la I edizione della marcia per pattuglie della Brigata Alpina Julia

UDINE. Si è conclusa, nei giorni scorsi, la prima edizione della “Carnian 100 x 100”, una competizione per pattuglie militari che ha visto 11 squadre provenienti dai diversi reggimenti della Brigata Alpina Julia confrontarsi su un percorso montano di oltre 100 chilometri  più di 5 mila metri di dislivello positivo, attraversando le Alpi Carniche e Dolomiti Bellunesi.

Esercizi tecnico tattici in occasione dell’attività addestrativa

Partite da Verzegnis (Udibe) le squadre hanno raggiunto l’arrivo a Tai di Cadore (Belluno) già il giorno seguente dopo circa 33 ore.

La particolare e impegnativa competizione, voluta dal Comandante della Brigata Alpina Julia, Generale di Brigata Franco Del Favero, aveva l’obiettivo di mettere alla prova la resistenza fisica e la preparazione tecnica degli Alpini, ripercorrendo idealmente la storica marcia del Capitano Menini del 1882.

 

Test di smontaggio armi in dotazione

L’esercitazione consisteva nel superamento di 10 prove tecnico-tattiche, ciascuna associata a penalità che potevano estendere il percorso fino a un massimo di 25 chilometri aggiuntivi.

Le prove includevano il montaggio e smontaggio delle armi, esercizi topografici, il riconoscimento di mezzi militari stranieri, il trattamento di feriti, l’utilizzo degli apparati radio, il superamento di ostacoli verticali, il guado di torrenti e la pianificazione dell’itinerario. Il tutto si è svolto sotto condizioni meteorologiche avverse, con piogge intense e temperature significativamente inferiori alla media stagionale.

La cerimonia di premiazione a Pieve di Cadore (Belluno) ha visto trionfare sul più alto gradino del podio la squadra dell’8° Reggimento Alpini di Venzone, che ha coperto i 100 chilometri in 33 ore e 3 minuti.

I militari si addestrano nel test di primo soccorso

Seguita dal 3° Reggimento Artiglieria Terrestre di Remanzacco, con un tempo di 37 ore e 43 minuti, e dal Reggimento Logistico Julia di Merano, che ha conquistato il terzo posto con 39 ore e 48 minuti

La Brigata Julia continua a raffinare l’addestramento dei suoi Alpini nel combattimento in montagna, attraverso attività sfidanti che richiedono una vasta gamma di competenze e una notevole determinazione per superare numerosi ostacoli e difficoltà. Da sempre, le montagne sono considerate tra le migliori palestre naturali per l’addestramento militare.

Questa sfida, sia fisica che mentale, ha permesso al personale di superare i propri limiti e ai comandanti di verificare sul campo il livello di addestramento raggiunto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore