Esercito, il Tenente Colonnello Michele De Palma nuovo comandante del Battaglione Trasmissioni “Vulture” di Nocera Inferiore

Nocera Inferiore (Salerno). Il Tenente Colonnello Michele De Palma è il nuovo comandante del Battaglione Trasmissioni “Vulture” di Nocera Inferiore (Salerno).

Il Tenente Colonnello Michele De Palma

Sostituisce il parigrado Giuseppe Ingicco.

Il saluto del Tenente Colonnello Giuseppe Ingicco

Il Tenente Colonnello De Palma, subentrato in comando, ha frequentato il 179° corso dell’Accademia Militare e proviene dal 46° Reggimento Trasmissioni di Palermo, dove ha rivestito l’incarico di capo Ufficio Operazioni Addestramento e Informazioni.

Il Tenente Colonnello Giuseppe Ingicco, appartenente al 177° corso dell’Accademia Militare, andrà a ricoprire un prestigioso incarico presso la Divisione “Acqui” di Capua.

La cerimonia è stata presieduta dal comandante del 46° Reggimento Trasmissioni, Colonnello Franco Culeddu, in qualità di comando sovraordinato, ed ha visto la partecipazione di diverse autorità civili e militari di Nocera Inferiore.

Il Colonnello Franco Culeddu con i due comandanti subentrante e cedente e i rispettivi sottufficiali di Corpo

Durante il periodo di comando del Tenente Colonnello Ingicco, il Battaglione “Vulture” ha svolto molteplici ed intense attività addestrative ed operative, sviluppando e ottimizzando tutti i compiti correlati al mantenimento in esercizio della rete telecomunicazioni della Forza Armata, raggiungendo ottimi livelli di affidabilità e sicurezza.

Significativa si è rilevata la funzione del Servizio Nazionale “Esercito Assistenza Utenti” (995), che ha offerto, alle numerose richieste di assistenza provenienti sia dall’Italia che dall’estero, un servizio all’avanguardia in grado di perfezionare le prestazioni a domicilio attraverso il supporto tecnico da remoto.

Da ricordare, sempre nel periodo di comando del Tenente Colonnello Ingicco, l’inaugurazione del Museo Storico dell’Arma delle Trasmissioni e la riapertura della Biblioteca Militare di Presidio, che ha permesso di catalogare l’intero patrimonio librario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore