Guardia di Finanza: a Livorno individuati e sequestrati in porto 180 chili di cocaina purissima celati in un container-frigo proveniente dal Sudamerica

LIVORNO. È un sequestro di cocaina davvero ingente quello che i finanzieri del Comando Provinciale di Livorno hanno messo a segno nel porto della città toscana in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM), che ha consentito di non far giungere sul mercato clandestino della droga qualcosa come 180 chilo di “neve” purissima, da suddividere dopo il “taglio” in un’infinità di dosi.

I controlli di unità cinofile delal GDF negli spazi portuali

L’eccezionale risultato scaturisce da approfonditi controlli condotti ad ampio raggio sotto la direzione della Procura della Repubblica livornese, i quali hanno stavolta permesso d’intercettare il carico in questione (valore oltre 50 milioni di euro) che i famigerati cartelli dei narcos sudamericani erano riusciti a far arrivare in Italia all’interno di un container-frigo carico di banane, partito un mese addietro da uno porto dell’America del Sud.

Per cercare di sviare ai controlli della Guardia di Finanza e della Dogana gli oltre 150 panetti di cocaina costituenti il carico – ognuno dei quali accuratamente avvolto da nastro isolante – erano stati occultati nella struttura interna del container, per questo è stato infatti necessario richiedere la preziosa collaborazione dei Vigili del Fuoco che hanno provveduto a tagliare ed aprire le pesanti intelaiature.

Lo stratagemma non è dunque bastato ad evitare la scoperta della droga individuata anche grazie alle strumentazioni in dotazione all’ADM, nonché all’esperienza operativa dei finanzieri supportati per l’occasione dalle proprie unità cinofile.

L’intera partita di droga, dopo il suo campionamento e le successive analisi di laboratorio che ne hanno confermato la natura oltre che il grado di purezza, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria e sotto stretta vigilanza dei militari delle Fiamme Gialle è stato avviato presso un impianto inceneritore per la sua completa distruzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore