Guardia di Finanza e Polizia di Stato: a Reggio Emilia Operazione “Cyrano”. Scoperto un giro di fatture per operazioni inesistenti da 10 milioni di euro. Coinvolte 22 società

Di Gianluca Filippi

REGGIO EMILIA. Sono oltre 100 i militari della Guardia di Finanza e gli agenti della Polizia di Stato impegnati dalle prime ore di stamani nell’Operazione denominata “Cyrano”, che ancora stanno svolgendo numerose perquisizioni nei confronti di 26 persone fisiche e giuridiche verso le quali si sta procedendo per evasione fiscale.

Militare della GDF di Reggio Emilia in attività di intercettaziione

A coordinare il tutto la Procura della Repubblica di Reggio Emilia, che ha disposto i citati provvedimenti a seguito della scoperta di una società “cartiera”, formalmente attiva nel settore delle concessionarie pubblicitarie ma costituita al solo scopo di emettere fatture per operazioni inesistenti.

Le perquisizioni, più nel dettaglio, hanno interessato 22 società dislocate su tutto il territorio nazionale e che con i loro amministratori/rappresentanti legali sono risultati aver utilizzato le suddette fatture,.

Mentre le persone giuridiche coinvolte nella frode sono società calcistiche, società attive nella produzione di programmi televisivi, nei trasporti di merci, oltre che del settore edilizio e meccanico in genere.

Al termine dell’attività d’indagine preliminare è stato documentato come le 22 società in questione abbiano utilizzato (inserendole nelle rispettive dichiarazioni annuali ai fini dell’Imposta sul valore aggiunto e delle Imposte dirette) fatture per operazioni inesistenti ricevute dalla citata società-fantasma per oltre 10 milioni di euro.

Nel corso delle operazioni in cronaca è stata inoltre notificata – a tutti i 26 soggetti indagati – la relativa informazione di garanzia emessa dall’Autorità Giudiziaria inquirente, anche se la loro posizione soggiace alla presunzione di non colpevolezza sin quando le loro responsabilità di natura penale non vengano ad essere dichiarate da giudizio definitivo di condanna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore