Guardia di Finanza: frode fiscale internazionale e traffico di droga. Arrestati 14 responsabili e sequestrati beni per oltre 13 milioni di euro

Di Aldo Noceti

Milano. Sono tutti di nazionalità italiana – ma da tempo radicati in Germania – i 10 soggetti arrestati oggi nell’ambito di un’indagine internazionale condotta dai finanzieri del Comando Provinciale di Milano – Nucleo di Polizia Economico Finanziaria, che ha interessato un molto ben organizzato gruppo criminale la cui esistenza è stata scoperta a seguito d’una complessa attività che ha interessato anche le Autorità Giudiziarie tedesche.

Pattuglia della Guardia di Finanza nel centro di Milano

Più nel dettaglio, a seguito di investigazioni di natura economico-finanziaria portate avanti su specifica delega della Procura Europea – European Public Prosecutor’s Office (EPPO), è stata svelata un’imponente frode fiscale internazionale realizzata nel commercio delle auto di lusso.

Gli uomini della GDF meneghina, con il supporto degli agenti della Polizia Criminale Centrale (Bundeskriminalamt – BKA) dell’Alta Baviera Nord, hanno così dato esecuzione ad un mandato di arresto europeo disposto nei confronti delle 10 persone indagate.

Stemma della Polizia Criminale tedesca

Nella stessa operazione è altresì incluso un pesante provvedimento di sequestro che i giudici tedeschi hanno ordinato su beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie aventi un valore complessivo superiore ai 13.000.000 di euro, patrimoni e denaro che sono dunque ritenuti diretto profitto dei gravi reati tributari contestati in capo agli indagati.

Parallelamente a queste operazioni, all’esito di altre attività investigative coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) di Milano, nonché condotte con la collaborazione della Direzione Centrale Servizi Antidroga (DCSA), circa 100 finanzieri stanno dando corso in tutta Italia a diverse perquisizioni locali e domiciliari giunte all’esito di un’operazione anti-droga che ha già portato agli arresti 4 responsabili accusati di traffico internazionale di sostanze stupefacenti.

Stemma del DCSA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore