Immigrazione, dalla Libia all’Italia la rotta è ancora aperta. Lo sostiene Frontex

Bruxelles. Dalla Libia all’Italia, la rotta è ancora aperta. Lo ha evidenziato, oggi a Bruxelles, Fabrice Leggeri, direttore esecutivo di Frontex.

Fabrice Leggeri, direttore esecutivo di Frontex

Nel corso di una conferenza stampa è emerso come la rotta migratoria “resti di alto livello rispetto a quello verso la Grecia e la Spagna”. Anche se c’è stato un importante cambiamento.

Infatti,  ha aggiunto il direttore Leggeri, a luglio gli arrivi sono diminuiti “di oltre il 50% e ad agosto sono stati ulteriormente dimezzati rispetto al mese precedente”. Il risultato è che per questi mesi del 2017 sono finora “arrivate centomila persone, ma c’è una riduzione del 13% rispetto allo stesso periodo gennaio-agosto dell’anno precedente”.

Fabrice Leggeri ha poi “stabile nonostante alcuni picchi da 300 arrivi al giorno ad agosto” la situazione sulla rotta verso la Grecia. Mentre è in aumento quella dal Marocco alla Spagna con 14 mila arrivi, pari a 2,5 volte quelli del 2016 nello stesso periodo.

Infine, Leggeri ha anche posto l’accento sui ritorni organizzati tramite Frontex:

“Nonostante le difficoltà i voli sono raddoppiati”, ha spiegato.

E nel 2017 sommo stati resi operativi finora 220 voli con oltre 10 mila contro i 232 – ovvero circa 12 mila persone – di tutto lo scorso anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Autore