Italia – Regno Unito: oggi a Roma un’importante riunione tra i ministri degli Esteri e della Difesa dei due Paesi

ROMA. Summit tra Italia e Regno Unito oggi a Roma, cui hanno preso parte il Vice Presidente del Consiglio e ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, il ministro della Difesa Guido Crosetto, il segretario di Stato per la Difesa, Ben Wallace e il segretario di Stato per gli Affari Esteri, del Commonwealth e dello Sviluppo del Regno Unito, James Cleverly.

“La partnership strategica tra Roma e Londra è la giusta strada da seguire per agire con efficacia nel complesso scenario internazionale determinato dal momento storico che stiamo vivendo” ha detto il ministro Crosetto, che ha poi aggiunto: “Tra i nostri due Paesi esiste un rapporto privilegiato che abbiamo deciso di consolidare per costruire insieme un pezzo di storia futura”.

I quattro ministri durante l’incontro

Un confronto, quello odierno, che testimonia comunanza di valori, amicizia e condivisa percezione delle sfide sulla sicurezza, oltre alla comune volontà di una sempre maggiore collaborazione in ambito europeo e dell’Alleanza Atlantica nell’attuale scenario geo strategico.

Un approccio confermato nel corso del colloquio bilaterale tra il ministro Crosetto e il suo omologo Wallace, che segue quello avvenuto lo scorso 30 novembre a bordo della Nave Duilio.

Nel loro incontro i due ministri hanno rinnovato lo Statement of Intent che, dopo la sua prima sottoscrizione nel 2018, sancisce l’intento per una più stretta e forte cooperazione bilaterale in ambito della sicurezza e della difesa e, inoltre, un rafforzamento della collaborazione bilaterale strategica.

Crosetto e Wallace hanno anche confermato il sostegno fino ad ora assicurato al governo di Kiev. Tra gli argomenti trattati nel colloquio, Fianco Sud e Fianco Est dell’Alleanza, Libia, cooperazione bilaterale e industriale.

Il confronto è proseguito con la ministeriale Esteri Difesa (2+2) svolta a Villa Madama. Tra i temi trattati, cooperazione bilaterale e industriale, Mediterraneo allargato, Africa, Ucraina, difesa e sicurezza a 360 gradi.

Il consesso ha sancito la volontà di muoversi in maniera ampia e corale per consolidare una collaborazione strategica e rafforzare la sicurezza. “In un mondo così grande i nostri Paesi devono cooperare, come già fanno, ad esempio, nella NATO o per l’Ucraina. Una cooperazione che oltre ad essere politica  deve essere umana, tecnologica e di rapporti economici. Solo così faremo un passo in avanti per garantire un mondo più sicuro ai nostri figli”.

Italia e Regno Unito oggi hanno deciso di ampliare ulteriormente la cooperazione anche in virtù delle reciproche e riconosciute eccellenze  nei settori dell’aerospazio e della cyber security. In quest’ambito si colloca il programma Global Combat Air Programme (GCAP) – che vede insieme Italia, Regno Unito e Giappone – finalizzato alla creazione di un sistema aereo di sesta generazione.

Ad aprire l’intensa giornata di incontri, il “Convegno di Pontignano 2023”; Forum svolto presso “Villa Wolkonsky” dell’Ambasciata britannica, durante il quale il ministro Crosetto, con l’omologo Wallace, è intervenuto sul tema “Discorsi sulla cooperazione in materia di difesa e sulle principali minacce alla sicurezza che i due Paesi devono affrontare”. Moderatrice dell’evento, la giornalista Lucia Annunziata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore