Kosovo, la Brigata Folgore supporta i progetti scolastici

Peja-Pec. ​Il Multinational Battle Group West (MNBG-W) a guida italiana, su base 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti Folgore, ha concluso, nei giorni scorsi, un ciclo di donazioni sviluppate dalla Cooperazione Civile – Militare (CIMIC) nel settore della formazione in favore di 3 istituti scolastici dell’area occidentale del Kosovo.

E’ stato consegnato diverso materiale didattico alla scuola di Dardanjia di Peja/Pec in favore di 58 alunni appartenenti alla comunità RAE (rom-ashkali-egyptian) 4 di etnia bosniaca (KOB) e 25 di etnia albanese (KOA).

Il Colonnello Ettore Gagliardi firma l’atto di donazione

Nell’istituto “Heronjite e Dukagjinit” di Gllojan/Glodjane sono stati donati banchi e sedie per l’ammodernamento di 3 classi ed il conseguente miglioramento delle condizioni per oltre 90 studenti.
Infine, all’interno del villaggio serbo di Gorazdevac/Gorazhdec, il Comandante del MNBG-W, Colonnello Ettore Gagliardi, ha inaugurato un’aula-laboratorio di chimica, interamente realizzata con fondi della Difesa italiana, a favore di oltre 110 alunni serbi del comprensorio scolastico “Janko Josipevic”.

La donazione del materiale scolastico negli istituti di Peja/Pec

Continua così l’impegno delle Forze Armate inquadrate nel MNBG-W nel sostegno del settore educativo per la formazione delle giovani generazioni di studenti kosovari, in stretta collaborazione con le autorità locali.

L’inaugurazione dell’aula laboratorio nel villaggio di Goradzevac

Tali incentivi avranno effetti concreti e sostenibili sui futuri sbocchi occupazionali della società, soprattutto nell’ambito della ricerca scientifica e della gestione dei laboratori del settore chimico.
Il MNBG-W, composto da unità italiane, slovene, austriache e moldave, secondo quanto stabilito dalla risoluzione delle Nazioni Unite 1244, assicura la liberta di movimento dei cittadini del Kosovo, garantendo un ambiente sicuro e protetto nel rispetto del pluralismo delle etnie e delle confessioni religiose presenti sul territorio balcanico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore