‘Ndrangheta, Carabinieri e Guardia di Finanza di Reggio Calabria eseguono decreto di fermo di indiziato di delitto nei confronti di 10 persone: presunti affiliati alla cosca “Cordì”

Reggio Calabria. I militari dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Reggio Calabria, hanno eseguito un decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, nei confronti di 10 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza, danneggiamento seguito da incendio e detenzione abusiva di armi, con l’aggravante del metodo mafioso commesse nel comune di Locri.

Operazione contro le ‘ndrine dei Carabinieri e la Finanza

Il provvedimento rappresenta l’epilogo di approfondite indagini, coordinate e dirette dalla Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) reggina, svolte sulla pluralità di danneggiamenti ed atti intimidatori commessi nella Locride da presunti  affiliati alla cosca “Cordì”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore