Polizia di Stato: marocchino tenta con un coltello di aggredire gli Agenti all’aeroporto di Reggio Calabria. Arrestato

Reggio Calabria. Oggi, a Reggio Calabria, l’autista dell’Azienda dei trasporti urbana ATAM ha chiesto l’intervento degli Agenti della Polizia di Stato di servizio all’Ufficio di Polizia di Frontiera all’aeroporto “Tito Minniti”.

Il coltello ritrovato nello zaino del cittadino marocchino

Infatti, un 22enne, marocchino, originario di Casablanca, si era sdraiato per terra ed impediva la partenza del bus.

Il ragazzo era in chiaro stato di agitazione ed è stato riportato alla calma dai poliziotti che lo hanno convinto a spostarsi per consentire la partenza del mezzo pubblico.

Mentre l’autista effettuava le manovre per uscire dal parcheggio, il 22enne ha avuto una nuova improvvisa reazione, rincorrendo il mezzo e minacciandone il conducente.

Gli operatori della Polizia di Stato prontamente sono riusciti a bloccarlo e, alla richiesta di mostrare loro i documenti, il soggetto ha aperto lo zaino che portava con sé ed ha estratto un coltello in metallo di grosse dimensioni, brandendolo contro i poliziotti, con la minaccia di non avvicinarsi.

Solo dopo un’attenta opera di mediazione gli Agenti sono riusciti a far desistere l’aggressore dalle sue intenzioni.

Hanno così recuperato il coltello e hanno proceduto ad arrestarlo per i reati di resistenza e minacce a Pubblico Ufficiale e porto abusivo di arma.

L’arresto è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria competente che ha disposto la misura degli arresti domiciliari presso l’abitazione di residenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore