Polizia di Stato: operazione contro la ‘ndrangheta. Eseguiti sequestri agli eredi della cosca Trapasso di San Leonardo di Cutro

Perugia. Operazione, oggi, della Polizia di Stato contro la ‘ndrangheta.

Operazione della Polizia di Stato contro le ‘ndrine

Il Servizio Centrale Anticrimine e le Divisioni Anticrimine di Perugia e Crotone hanno eseguito due distinti provvedimenti di sequestro finalizzato alla confisca, emessi, ai sensi della normativa antimafia, dal Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione di Catanzaro, su altrettante proposte formulate dal procuratore di quel Distretto, congiuntamente ai Questori delle menzionate province.

I provvedimenti colpiscono contemporaneamente propaggini della ‘ndrangheta crotonese sia nei territori d’origine che nelle regioni di proiezione degli interessi dell’organizzazione mafiosa.

Riguardano, in particolare, beni, assetti societari e rapporti finanziari riconducibili, rispettivamente, agli eredi di un esponente di vertice della cosca “Trapasso” di San Leonardo di Cutro (Crotone), deceduto nel 2020, nonché uomo di fiducia di Cosimo Commisso, capo dell’omonima cosca di Siderno (Reggio Calabria) e ad un imprenditore calabrese, entrambi considerati elementi di riferimento in Umbria per gli affiliati alla citata consorteria mafiosa e a diverse altre famiglie di ‘ndrangheta dell’area ionico – catanzarese.

I predetti sono stati tratti in arresto nel 2019, a Perugia, nell’ambito
della cosiddetta “Operazione Infectio”, condotta dalla Polizia di Stato con il
coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia (DDA) di Catanzaro, in quanto ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, di associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, alla detenzione e all’occultamento di armi clandestine, nonché di associazione finalizzata alla consumazione di una serie di reati di natura contabile o economico-finanziaria strumentali alla realizzazione sistematica di frodi in danno del sistema bancario, al riciclaggio, all’intestazione fittizia di beni e al trasferimento fraudolento di valori, aggravati dal metodo mafioso.

L’inchiesta oltre ad aver dimostrato l’operatività in Umbria della locale di
‘ndrangheta di San Leonardo di Cutro, ha consentito, tra l’altro, di
accertare l’esistenza di un sodalizio criminale dedito all’infiltrazione nel
tessuto economico e imprenditoriale di quella regione, che ha evidenziato,
nella fattispecie, una notevole dimestichezza nel manipolare istituti
societari, contabili e finanziari in modo da trarne ulteriori benefici
economici.

I perni del citato complesso sistema criminale sono rappresentanti proprio
dagli odierni destinatari dei provvedimenti di sequestro.

In particolare, il primo, collocato al vertice della propaggine mafiosa
calabrese in Umbria, rappresentava il principale promotore e organizzatore,
unitamente al figlio e al cognato, del traffico di stupefacenti introdotti
in quella regione dalla Calabria, intrattenendo strutturati rapporti anche
con organizzazioni criminali albanesi.

Il secondo, invece, aveva assunto la gestione di un articolato sistema
dedicato alla realizzazione di reati di natura finanziaria e tributaria,
propedeutici alla consumazione di truffe in danno degli istituti di credito.

Secondo le indagini, questa attività criminosa, che nel solo lasso temporale interessato dalle indagini ha fruttato introiti al sodalizio per circa 700 mila euro, faceva leva sulla costituzione o acquisizione, attraverso prestanome nullatenenti, di società cartiere, alle quali, attraverso la consumazione di condotte illecite di natura tributaria e finanziaria (redazione di falsi bilanci
societari, false fatturazioni, aumento fittizio di capitali sociali, evasione fiscale), veniva conferita un’ingannevole parvenza di vitalità e dinamicità, al fine di consentirne, pur in assenza dei requisiti, l’accesso al credito bancario e, successivamente, pervenire ad una dichiarazione di fallimento ovvero realizzare un giro vorticoso di trasferimenti d’azienda in favore di altri soggetti non rintracciabili o comunque non aggredibili dal punto di vista imprenditoriale, con l’obiettivo di impedire all’istituto bancario erogante il recupero del finanziamento accordato.

Le investigazioni, oltre a documentare la pericolosità sociale dei predetti soggetti, i cui trascorsi criminali hanno abbracciato oltre un trentennio, hanno consentito di accertare come essi, nel corso della loro esistenza, nel tentativo di sfuggire all’azione ablatoria dello Stato, abbiano reinvestito, attraverso l’interposizione fittizia di stretti congiunti o di terze persone, i proventi delle menzionate attività delittuose non solo nell’acquisto di beni mobili e immobili di ingente valore ma anche in compagini societarie, operanti prevalentemente nel campo dell’edilizia, degli autotrasporti e della ristorazione.

Le società in questione, dietro lo schermo dei “prestanome”, erano oggetto
di una gestione criminosa sia sotto il profilo contabile che fiscale, nonché
funzionali ad assicurare alla cosca di riferimento il controllo economico –
imprenditoriale dei relativi settori di interesse nella provincia di Perugia
e di Crotone, anche attraverso il compimento di atti estorsivi e di illecita
concorrenza.

Dagli approfondimenti patrimoniali effettuati è emerso che, a fronte di una
complessiva situazione reddituale dei nuclei familiari dei soggetti
menzionati di natura modesta o addirittura inadeguata anche al semplice
soddisfacimento delle primarie esigenze quotidiane delle persone, i
predetti, avevano acquisito la disponibilità e il dominio di fatto di:

–         nove compagini societarie

–         un’ impresa individuale

–         42 immobili, tra terreni e fabbricati

–         41 automezzi

–         5 veicoli

–         3 posizioni nell’ambito di altrettanti contratti di leasing per l’acquisto di veicoli

–         circa 50 rapporti finanziari, titoli e depositi .

Il tutto per un valore complessivamente stimato di circa 8 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore