Ruanda, Kigali la capitale più internettiana dell’Africa. Confronto alla conferenza Transform Africa

Kigali. L’Africa nella rete di Internet, per la crescita economica e sociale. Si chiama Smart Cities Blueprint il progetto che è stato lanciato nella conferenza Transform Africa che si è tenuto a Kigali (Ruanda).

Un momento dela Conferenza dedicata alle nuove tecnologie in Africa: Transform Africa

Sono stati coinvolti tutti i sindaci africani ed i responsabili politici che intendono trasformare la loro città. Nascerà una rete di città intelligenti africane.

In prima fila, il Ruanda. Kigali, la capitale, è una delle città più tecnologiche del continente africano. E’ completamente connessa a Internet. Strade, alberghi, ristoranti, trasporti, spazi pubblici, qualsiasi persona può godere di wi fi gratis.

Non solo. La Pubblica amministrazione della città sta sperimentando una profonda digitalizzazione dei processi. Già oggi è possibile pagare le tasse locali on-line e ottenere via Internet un permesso di costruzione, un certificato e tanto altro ancora.
Le strade sono state tutte geolocalizzate. Il prossimo passaggio è superare l’utilizzo del denaro contante.

Le autorità locali pensano di spingere le persone a pagare sempre più tramite cellulari o altre tecnologie. Alcuni servizi commerciali, tipo taxi e ristoranti, sono già pronti, altri si stanno preparando.
Questa rivoluzione digitale è stata voluta direttamente dal Presidente della Repubblica del Ruanda, Paul Kagame. Subito dopo il genocidio del 1994, Kagame ha capito che l’asfittica economia del piccolo Stato andava diversificata.

Il capo dello Stato ha varato così una politica economica che scommettesse tutte le carte sulle nuove tecnologie. E ha così iniziato un lungo cammino verso la digitalizzazione.
La conferenza digitale Transform Africa ospita 4 mila delegati provenienti da diciotto Paesi africani. Si tratta, senza dubbio, di un passo di questo percorso per mettere al servizio del Continente tutta l’esperienza accumulata in questi anni dal Ruanda.

Autore