Esercito, donati circa 25 litri di sangue dai militari della Folgore

Bracciano (Roma) I “Diavoli Gialli” del 185º Reggimento Artiglieria Paracadutisti “Folgore” ed una rappresentanza del Comando Artiglieria hanno donato il sangue dimostrandosi molto altruisti e solidali.

I militari della Folgore hanno effettuato i loro prelievi di fluido ematico a Bracciano (Roma). E’ stata un’iniziativa della Regione Lazio che hanno voluto far diventare importante.
Il sangue verrà utilizzato da medici dell’Ospedale San Filippo Neri per tutte le esigenze come per esempio le operazioni chirurgiche.

Oltre sessanta uomini e donne  hanno spontaneamente effettuato la donazione, a seguito di richiesta delle autorità sanitarie locali, riuscendo così a raccogliere circa venticinque litri complessivi di fluido ematico.

Un bel risultato visto che i militari della Folgore hanno subito risposto all’appello delle autorità sanitarie con molta generosità.

I militari in fila per donare il sangue

Il Comandante del Reggimento, Colonnello Mauro Bruschi, primo tra i donatori, rivolgendosi al rappresentante della struttura ospedaliera, ha voluto sottolineare il profondo senso civico espresso dai propri paracadutisti, che con un “piccolo normale gesto di solidarietà che costa poco a chi lo fa ma significa tantissimo per chi lo riceve”, cercano di contribuire sempre alla salvaguardia della “vita” umana.

I comandanti della Folgore si sono detti molto orgogliosi dei loro uomini e donne perché in qualsiasi occasione loro ci sono sempre, all’estero come ad esempio in Iraq per portare beni di prima necessità alla popolazione locale e in Italia per aiutare i civili colpiti dalle catastrofi naturali.

Il 185º Reggimento Artiglieria Paracadutisti “Folgore”, ricostituito nella sede di Bracciano il 1 luglio 2013, come Unità di supporto di Fuoco della Brigata Paracadutisti, assieme al Comando Artiglieria consolidano così il legame con le Istituzioni Civili del territorio, promuovendo iniziative di carattere sociale in favore delle categorie più deboli e ribadendo ancora una volta il proprio motto “come Folgore sempre e Dovunque” al servizio del Paese. Il legame tra la Folgore ed il territorio è sempre stato molto stretto, poiché nel tempo autorità civili e militari hanno lavorato in più occasioni insieme per garantire la sicurezza e per mantenere la legalità.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore