Spazio: il programma PLATiNO apre all’eccellenza e alla competitività dell’Italia nel settore

Mola di Bari. Accordo commerciale che regola i rapporti, nella fase di industrializzazione e commercializzazione del Programma PLATiNO, tra Sitael (prime contractor), Thales Alenia Space Italia, Leonardo e Airbus.

Il sottosegretario alla Presidenza Fraccaro, oggi, in occasione della firma dell’accordo

L’intesa è stata sottoscritta, oggi a Mola di Bari (Bari) alla presenza del sottosegretario di Stato della Presidenza del Consiglio dei Ministri Riccardo Fraccaro e del presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) Giorgio Saccoccia, accolti dal fondatore del Gruppo Angel, Vito Pertosa.

L’accordo risponde da un lato all’interesse del mercato mondiale alla “innovativa piattaforma spaziale ad alta tecnologia” che è alla base del programma PLATiNO, dall’altro prepara il raggruppamento temporaneo di imprese a cogliere le ulteriori opportunità commerciali che iniziano a manifestarsi.

Il programma, finanziato dall’ASI e dal Governo italiano con un investimento di oltre 100 milioni di euro, prevede, a coronamento della qualifica in volo, la realizzazione di due missioni per il lancio dei satelliti PLATiNO programmate nel 2021 e 2022.

La piattaforma – massa al lancio di circa 200 chili – è stata progettata per svolgere un’ampia gamma di applicazioni ed è perfettamente compatibile per la messa in orbita attraverso il lanciatore italiano VEGA, che sarà qualificato con il lancio programmato per il prossimo 21 giugno dalla base di Kourou in Guyana francese.

Il lanciatore Vega

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore