Smaltimento illecito di rifiuti, grande operazione interforze a Torre del Greco. Sei persone denunciate e sequestrate varie aziende

Napoli. Operazione di controllo straordinario del territorio del comune di Torre del Greco (Napoli). oggi, disposta dall’incaricato per il contrasto al fenomeno dei roghi nella regione Campania, Gerlando Iorio.

In campo 34 equipaggi, per un totale di 106 unità appartenenti al Raggruppamento “Campania” dell’Esercito, alla Compagnia Carabinieri di Torre del Greco, ai Carabinieri per la tutela del lavoro e dell’Ambiente al Commissariato di Polizia, alla Compagnia della Guardia di Finanza, al Comando della Polizia locale torrese, al Reparto Parco Nazionale Carabinieri Forestali di San Sebastiano al Vesuvio (Napoli), al Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli, alla Polizia Metropolitana partenopea. Oltre a funzionari dell’ARPAC, dell’ASL, dell’Ispettorato del Lavoro.

L’intervento in un’azienda

Sono state controllate 9 attività imprenditoriali e commerciali operanti nel settore dell’edilizia, della lavorazione di materiali ferrosi, della cantieristica e della riparazione/manutenzione di veicoli. Cinque le attività sequestrate per violazioni della normativa ambientale e per mancanza delle previste autorizzazioni amministrative. Sequestrati un autoveicolo e due autocarri impiegati nel trasporto illecito di rifiuti.

Sono state controllate 40 persone di cui 6 denunciate all’Autorità giudiziaria. Nel complesso sono state contestate sanzioni amministrative per circa 50 mila euro.

In particolare, è stata sequestrata una cava dismessa di oltre 37 mila metri quadrati, ricettacolo di sversamento abusivo di rifiuti provenienti da aziende operanti in svariati settori, tra cui quelli relativi ai servizi di manutenzione delle infrastrutture stradali e ferroviarie. I rifiuti depositati illecitamente sono risultati di natura speciale e pericolosa, in gran parte derivanti da miscelazione di sostanze tossiche con inerti di varia natura.

E’ stata anche sequestrata un’azienda di carpenteria metallica di circa 200 metri quadrati per emissioni in atmosfera, abbandono incontrollato di rifiuti e relativo stoccaggio. Bloccata tutta l’attrezzatura industriale per lavorare i metalli (tornio, piegatrici, seghe, presse , ecc) e il titolare è stato denunciato.

I risultati, seppur ancora parziali in quanto l’attività di controllo è ancora in corso, sono il frutto della nuova modalità operativa di contrasto, promossa dall’incaricato e approvata dai Comitati provinciali per l’Ordine e la Sicurezza pubblica di Napoli e di Caserta, basata su azioni coordinate di controllo del territorio alle quali concorrono, con l’ Esercito e le Forze dell’Ordine, anche le Polizie Locali.

@RIPRODUZIONE VIETATA

Autore