Guardia di Finanza: a  Caltanissetta scovata coltivazione clandestina con 1.000 piante di marijuana. Arrestato un responsabile

Di Aldo Noceti

Caltanissetta. È stata un’estate davvero torrida e povera di precipitazioni in Sicilia, ma quel fondo agricolo da 4.000 metri quadrati era stato molto ben mantenuto e rifornito costantemente d’acqua, purtroppo non per coltivarci frutta e ortaggi bensì 1.000 piante di marijuana che – una volta trasformate in “fumo” per le piazze dello spaccio di droga – avrebbero potuto rendere ai trafficanti somme complessivamente stimabili in almeno 3 milioni e 500 mila euro.

Operazione antidroga della Gdf

 

È questa la cronaca riguardante l’ennesima scoperta di una piantagione di marijuana, stavolta rivelata dai finanzieri del Comando Provinciale di Caltanissetta, la quale era stata ricavata in un ampio appezzamento di terreno posto alla periferia di Gela (Caltanissetta).

Le Fiamme Gialle nissene – nello specifico quelle del Gruppo di Gela – nel corso dei loro quotidiani controlli economici del territorio si erano accorti che il proprietario del fondo aveva movimenti e atteggiamenti sempre piuttosto circospetti, e ben sapendo che la conformazione geografica della zona nonché il suo clima ben si prestano alla realizzazione di queste colture illecite hanno deciso di accedervi per verificare cosa effettivamente fosse stato piantato su quel suolo.

La sorpresa non è mancata quando gli stessi militari si sono trovati di fronte un’autentica distesa di piante di marijuana alte quasi 2 metri ed ormai prossime alla raccolta per un quantitativo che alla pesa ha fatto segnare 1.500 chili, ai quali si aggiungono altri 40 chili della stessa sostanza già essiccata ed evidentemente pronta per la vendita oppure da utilizzare come “campionatura” per qualche organizzazione di trafficanti del settore.

Per il responsabile della coltivazione è così immediatamente scattato l’arresto, in attesa di essere interrogato dall’Autorità Giudiziaria inquirente verso la quale dovrà fornire diverse spiegazioni.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore