Guardia di Finanza: nel Casertano scoperto un collegamento abusivo alla rete ENEL. Danni all’azienda per circa 10 mila euro. Commerciante denunciato

Di Michele Toschi

Caserta. Aveva trovato un ottimo rimedio per risparmiare – e di molto – sui costi di fornitura dell’energia elettrica per il proprio negozio di ortofrutta.

La GdF scopre allacci abusivi alla rete elettrica nel Casertano

Peccato però che il sistema adottato (decisamente illecito) sia stato scoperto dai Finanzieri del Comando Provinciale di Caserta che hanno così denunciato il titolare per furto di energia elettrica.

La curiosa vicenda, anche se non certo la prima della specie in cui si imbatte un Reparto della GdF, si è svolta ad Aversa (Caserta), località nella quale i militari hanno proceduto all’accesso nell’esercizio commerciale in questione notando la presenza di un “teleruttore”, in parole più semplici di un potente relè collegato alla cassetta di derivazione della corrente elettrica tramite un cavo di rame.

Quel che a prima vista poteva sembrare un comune congegno elettrico, permetteva in realtà di staccare immediatamente l’alimentazione di provenienza furtiva carpita dalla rete ENEL, ingannando così in caso di controlli i tecnici della società, i quali ben difficilmente avrebbero potuto scoprire il marchingegno e dunque le modalità del furto con il quale lo stesso veniva realizzato.

Il tutto consentiva così di ottenere energia elettrica a volontà senza che questa potesse essere però quantificata dal contatore del negozio.

Lo stratagemma in questione, come appreso da una stima prodotta da personale specializzato ENEL, aveva dunque consentito al denunciato, soltanto nell’ultimo quinquennio, un risparmio illecito pari a 54 mila  kilowatt/ore il che, tradotto in soldoni, è pari alla rispettabile cifra di circa 10 mila euro.

Tutto il materiale elettrico impiegato dall’uomo è stato posto sotto sequestro, mentre per il responsabile si profila ora una causa penale nella quale gli sarà ben difficile tentare di dimostrare qualcosa che sia anche minimamente diverso dal più evidente dei metodi di furto escogitati dai tanti “furbetti” del settore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore