Libano del Sud: i caschi blu italiani donano impianto di rifornimento dell’acqua per il frantoio comunale di Safad Al Battikh

Shama (Libano del Sud). I militari del contingente italiano di UNIFIL, la Forza di interposizione delle Nazioni Unite schierata nel Libano del Sud, hanno donato un sistema di accumulo dell’acqua per il rifornimento idrico del frantoio di Safad Al Battikh, un piccolo villaggio dell’unione delle municipalità di Tibnin.

Il taglio del nastro per l’inaugurazione della nuova struttura

Il progetto che consentirà l’ottimale funzionamento dell’impianto del frantoio comunale, è stato realizzato a beneficio degli agricoltori libanesi di tutti i villaggi limitrofi, per i quali la mancanza di un simile impianto avrebbe significato un aggravio di spese difficilmente sostenibile anche a causa della pesante crisi economica, aggravatasi con l’emergenza Covid-19.

Alla cerimonia di inaugurazione ha preso parte il comandante del contingente italiano di UNIFIL, Generale di Brigata Andrea Di Stasio, e il sindaco di Safad Al Battikh, Ali Souhad Zeinalddine.

Il Generale di Brigata Di Stasio visita il frantoio

Il primo cittadino ha ringraziato i militari italiani per la tempestività dell’intervento e per l’attenzione rivolta a un progetto che punta a valorizzare la qualità del prodotto e ad aumentarne la produzione a livello locale.

L’attività di Cooperazione civile-militare (CIMIC), in sinergia con l’azione svolta dalle Nazioni Unite, dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale e dal Ministero della Difesa, ha permesso dal 2006, anno di inizio della missione UNIFIL, la realizzazione di progetti a “impatto immediato”, con interventi su ambiente, amministrazione civile e infrastrutture civili essenziali, tesi al miglioramento e al continuo sviluppo della società del Sud del Libano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Autore