Marina Militare, Nave Alpino rientra in Italia dopo la Campagna in Nord America

Di Lia Pasqualina Stani

Taranto. Dopo due mesi dalla partenza, terminata la campagna navale in Nord America nei giorni scorsi è rientrata a Taranto la Fregata europea multi missione (FREMM) Alpino della Marina Militare, a conclusione della Campagna negli Stati Uniti d’America.

Al suo arrivo in porto all’interno della Stazione Navale Mar Grande, la nave è stata accolta dal Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio di squadra Donato Marzano e da familiari, amici e colleghi dell’equipaggio.

La Campagna appena conclusa può essere considerata rilevante sia per aver proiettato l’immagine della Marina Militare, delle Forze Armate e del sistema Paese in aree di non usuale gravitazione sia per il supporto fornito alla competitività internazionale di importanti realtà nazionali. In questo ambito, si è inquadrata anche l’importante attività che ha permesso di mostrare e far conoscere le capacità operative dell’Unità a delegazioni composte da membri del Congresso degli Stati Uniti ed ufficiali della US Navy, nell’ambito del processo informativo per la definizione da parte della Marina statunitense di una nuova classe di fregate (programma di acquisizione denominato Future Frigate Program FFG(X)) destinata a colmare il gap capacitivo tra le Littoral Combat Ship (LCS) e le unità classe Arleigh Burke.

 

Comandante in Capo della Squadra Navale, Ammiraglio di squadra Donato Marzano saluta l’equipaggio di Nave Alpino

L’iniziativa di proiezione marittima e naval diplomacy rientrava nel più ampio progetto che mira a “fare sistema” integrando le capacità operative degli equipaggi con i moderni sistemi di fabbricazione italiana imbarcati su nave Alpino, costruita da Fincantieri, sponsor unico e partner della campagna.

Il confronto e le attività congiunte con Marine amiche ed alleate hanno inoltre permesso all’equipaggio di addestrarsi e rafforzare i rapporti con gli alleati trans-regionali. L’Alpino che ha visitato diversi porti della costa Atlantica, ha accolto delegazioni composte da membri del Congresso degli Stati Uniti ed ufficiali.

La presenza oltreoceano è stata anche l’occasione d’incontro con le numerose comunità italiane residenti all’estero e di promozione dell’immagine dell’Italia e delle sue eccellenze, attraverso l’organizzazione di eventi culturali.

La Marina Militare italiana ha ricevuto il 30 settembre 2016 l’Alpino, quinta di una serie di dieci unità Fregate europee multi missione (FREMM) e quarta nave anti-sommergibile della sua categoria, presso il cantiere navale militare di Muggiano (La Spezia).

La nave è una delle più moderne della flotta della Marina Militare e frutto di una fortunata cooperazione con la Francia che ha consentito la realizzazione di un prodotto apprezzato a livello internazionale.

Nave Alpino è stata varata il 13 dicembre 2014 presso lo stabilimento Fincantieri di Riva Trigoso ed è stata commissionata nell’ambito dell’accordo di cooperazione internazionale italo francese con il coordinamento dell’Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti (Occar).

La Fregata è considerata una delle più moderne navi della sua categoria ed è stata commissionata nell’ambito dell’accordo di cooperazione internazionale italo francese con il coordinamento dell’Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti (Occar) che vede come “prime contractor” Orizzonte sistemi navali (Osm), per parte italiana, e Dcns per la Francia. Osm è partecipata al 51 per cento da Fincantieri e dal 49 per cento da Leonardo.

Nave Alpino ormeggiata presso la banchina della Stazione Navale Mar Grande di Taranto

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Autore